Tre autori per Giovanna D’Angi: Raffaele Andrea Viscuso, Mauro e Allegra Lusini.

Giovanna D’Angi partecipa al Sanremo Music Awards con il Brano “Un Amore senza fine” firmato da 3 Autori prestigiosi.

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 11/06/2020 in Musica e spettacolo da Nicola Convertino
Condividi su:
Nicola Convertino

Al Sanremo Music Award, la concorrente Giovanna D’Angi partecipa con  “Un amore senza fine”  singolo estratto dall’ album “Senza Paracadute” e scritto da Mauro Lusini, sua figlia Allegra e Raffaele Andrea Viscuso.

Mauro Lusini, è il compositore della celebre hit  “C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones”, brano che ebbe un clamoroso successo, sia in Italia, grazie a Gianni Morandi, che all’estero, in quanto venne interpretata da diversi artisti tra cui la cantautrice statunitense Joan Baez .

Allegra Lusini, figlia d’arte, vanta una partecipazione a Sanremo nel 1999 con il brano “Puoi fidarti di me”

Raffaele Andrea Viscuso è un poliedrico songwriter che ha pubblicato per diversi Editori Discografici tra cui Warner Chappell ItaliaRTI Mediaset componendo canzoni per artisti eterogenei: dall’intramontabile Bobby Solo a personaggi televisivi come “Platinette”, dall’inno celebrativo della società calcistica “Atalanta” a giovani esordienti che si sono esibiti su palchi prestigiosi quali "Amici di Maria De Filippi", “Io Canto”, “Castrocaro” e “Sanremo Giovani”.

“Un amore senza fine”  è interpretato da Giovanna D’Angi, artista che, dopo la partecipazione in giovanissima età, al Festival di Sanremo del 2005, ha visto aprirsi le porte del Musical, settore in cui è protagonista da quindici anni vantando collaborazioni con nomi quali Paolo Ruffini, Iva Zanicchi, Sergio Muniz e Michelle Hunzicher solo per citarne alcuni.

La canzone ha per tema il complesso meccanismo di comunicazione nella coppia e la capacità di imparare a gioire insieme delle piccole cose.

Un appello, in chiave poetica, a spostare l’attenzione non sui problemi e su certe banalità alle quali spesso ci si attacca ma sulla ricerca delle soluzioni Guardiamo il mondo da un'altra finestra e troveremo nuove prospettive, per rendere in discesa una salita, a volte, basta stare ad ascoltare”.

 

 

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password