“Stamo a Fiumicino” la parodia di Lele Sarallo

Il tormentone dell’Estate 2019

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 23/08/2019 in Musica e spettacolo da Ufficio Stampa Thinkfull
Condividi su:
Ufficio Stampa Thinkfull

Lele Sarallo, Talent di punta di Greater Fool Media azienda leader nel campo dei contenuti web nativi, non smette mai di stupirci. L’estate porta con sé tante cose: il caldo, il mare, le vacanze e… gli immancabili tormentoni estivi. Imitati, presi in giro, condivisi migliaia di volte e commentati dai tanti, questi video catturano la nostra attenzione. Dopo “Ostia Lidio” di J Ax e Mambo Salentino dei Boomdabash, il vulcanico Lele Sarallo ha pubblicato, lunedì 19 Agosto, “Stamo a Fiumicino – ed è proprio la città del litorale romano, protagonista di questa divertentissima parodia, Fiumicino in new Salento.

Guarda il video

Lele ha dichiarato: “mi sembrava giusto omaggiare anche una città di mare che tutti conoscono solo per l’aeroporto e per i traghetti, ovvero Fiumicino. Avevo in mente questo ritornello “Stamo a Fiumicino” appena è uscita la canzone originale appunto, ma non sapevo come svilupparla , così dopo aver sentito alcuni miei amici che sono nati e cresciuti a Fiumicino , ho iniziato a scriverla di getto ed in poche ore è nata la parodia , con l’aiuto di Alessia ( la mia compagna ), che mi ha dato una grande mano sulla produzione esecutiva del video. Inoltre, grazie alla magnifica Lory Voice che l’ha interpretata insieme a me, ed al sostegno di moltissimi amici, in una settimana siamo riusciti ad incidere la canzone e a registrare il video. Le riprese del video sono iniziate vicino al raccordo anulare e sono terminate al Dadaumpa Village di Fiumicino con tutti i clienti e lo staff che ballavano cantando Stamo a Fiumicino. “

In soli tre giorni, il video è diventato virale e sulle piattoforme social: su Facebook è già uno dei brani più condivisi e inizia ad essere apprezzato su Youtube.

Da mercoledì 20 Agosto “Stamo a Fiumicino” è uscita su tutti i Digital Store ( ITunes , Spotify , Google Play ecc.. ) dove è possibile scaricarla gratuitamente.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password

Video in evidenza