Rai1 si piega a Maria De Filippi e le offre una prima serata. Anzaldi: "Questo sarebbe puntare sulle risorse interne?"

pubblicato il 16/07/2020 in Mediatech da Marco Zonetti
Condividi su:
Marco Zonetti

Non solo il tacito accordo di "non belligeranza" fra Carlo Conti e Maria De Filippi per non danneggiarsi a vicenda (il primo in onda sempre il venerdì e mai di sabato per non scontrarsi con Maria, la quale poi viene premiata con ospitate fisse o ricorrenti dei personaggi della sua Fascino nei programmi del conduttore toscano), ora siamo addirittura alla genuflessione conclamata della Rai a Mediaset.

Stefano Coletta, direttore di Rai1, ha infatti annunciato per il 25 novembre prossimo venturo una prima serata affidata a Maria De Filippi sull'Ammiraglia del Servizio Pubblico, nella giornata dedicata alla violenza sulle donne. Accanto a Maria, Sabrina Ferilli e Fiorella Mannoia. Da Amici ad Amiche, insomma, e alla faccia del buon proposito da parte dell'Ad Salini di privilegiare le risorse interne all'azienda... 

Il Segretario della Vigilanza Rai Michele Anzaldi, al riguardo, la pensa esattamente come noi. L'on. renziano scrive infatti su Twitter: "Per la giornata contro la violenza sulle donne, Rai1 decide di umiliare le donne Rai: lo speciale lo condurrà Maria De Filippi, simbolo della concorrenza. Senza nulla togliere a De Filippi, alla Rai mancano professionalità femminili? Questo sarebbe puntare sulle risorse interne?".

Fra programmi e programmini affidati su ogni rete Rai a Maurizio Costanzo, e ora il prime time alla De Filippi (un'idea dell'ex direttrice di Rai1 Teresa De Santis per giunta, idea che Coletta ha riesumato), il Servizio Pubblico Radiotelevisivo pare sempre più inesorabilmente avvolto nelle spire del Biscione. 

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password