Rai Gulp, spot rivolti ai bambini. Anzaldi: "Violazione contratto di servizio, ennesimo abuso di Rai Pubblicità"

Il Segretario Vigilanza Rai: "Vergognoso che la tv pubblica cerchi di fare soldi sfruttando i minori addirittura di 14 anni"

pubblicato il 05/07/2020 in Mediatech da Marco Zonetti
Condividi su:
Marco Zonetti
Uno spot trasmesso da RaiGulp

Michele Anzaldi, Deputato di Italia Viva e Segretario della Commissione di Vigilanza Rai denuncia su Facebook la presenza di spot pubblicitari su RaiGulp, il canale del Servizio Pubblico Radiotelevisivo che si rivolge ai bambini di un'età compresa fra i 7 e i 12 anni. Il Segretario Anzaldi scrive: “Trasmettere pubblicità su un canale per bambini come Rai Gulp rappresenta una gravissima violazione del Contratto di Servizio, l’ennesimo abuso di Rai Pubblicità il cui operato è sotto valutazione della commissione di Vigilanza Rai ed è stato sanzionato anche dall’Agcom per il dumping commerciale sui prezzi. Un dumping, peraltro, che danneggia l’intero settore dell’informazione, non solo le grandi tv commerciali ma anche la carta stampata, le tv locali, il web. E’ la conferma che l’unica soluzione per eliminare distorsioni e violazioni in Rai è eliminare del tutto la pubblicità da tutti i canali".

E ancora: "Del caso Rai Gulp si occupi la commissione di Vigilanza Rai, aggiungendo: "E’ la Rai stessa ad attestare nel suo sito ufficiale che Rai Gulp si rivolge ai bambini tra i 7 e i 12 anni, verso il quale è, quindi, scorretto se non vietato indirizzare messaggi pubblicitari anche per la difficoltà dei bambini a distinguere tra un prodotto editoriale e una pubblicità"

Ricordando che: "Durante il Governo Renzi fu eliminata la pubblicità da Rai Yoyo, il canale rivolto ai bimbi più piccoli, ma a quella scelta sacrosanta e lungimirante non è stato dato poi il dovuto seguito, per cui i ragazzi che vedono la programmazione di un canale come Rai Gulp si ritrovano invece blocchi pubblicitari con prodotti di qualsiasi genere. Perché l’amministratore delegato Salini e il Cda non tutelano i bambini? E’ davvero vergognoso che la tv pubblica cerchi di fare soldi sfruttando i minori addirittura di 14 anni. Soldi che poi servono a pagare super parcelle agli agenti, contratti faraonici ai conduttori, sprechi”.

E c'è di più. Abbiamo visionato vari blocchi pubblicitari trasmessi da RaiGulp e, a parte gli spot di zainetti, abbiamo riscontrato la presenza massiccia di pubblicità a sfondo alimentare, con le merendine a fare la parte del leone. Un autentico disservizio pubblico da parte della Rai, che dovrebbe essere consapevole del messaggio errato inviato ai più piccoli, invitati di fatto dalla Tv pubblica a consumare cibo a volontà in una fascia di età delicatissima. Inutile riportare qui i tantissimi studi scientifici secondo i quali la dieta e il peso corporeo degli adolescenti sono influenzati dall’esposizione a pubblicità di prodotti che contengono quantità eccessive di calorie, grassi saturi, grassi trans, zuccheri e sale (HFSS). E RaiGulp, per giunta, si rivolge a bambini ancora più piccoli, e quindi ancor più influenzabili, rendendo il tutto oltremodo più grave e dannoso alla salute dei più piccoli. 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password