Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Ascolti Tv: Record per Che ci faccio qui. Il programma di Domenico Iannacone fra i più visti della domenica sera

Cresce il successo di pubblico e di critica della trasmissione di Rai3 prodotta dalla Hangar di Gregorio Paolini

Condividi su:

Gli ascolti Tv e i dati Auditel di domenica 7 giugno 2020 in access prime time vedono Domenico Iannacone con il suo Che ci faccio qui in onda su Rai3 crescere per numero di spettatori e di share, raggiungendo una media di 1.163.000 individui all'ascolto pari al 5.1%. Il programma scritto da Iannacone (anche regista) con Luca Cambi e prodotto dalla Hangar di Gregorio Paolini non soltanto batte se stesso nella delicatissima fascia dominata da pezzi da novanta come I Soliti Ignoti su Rai1, Paperissima Sprint su Canale 5 e l'anteprima di Non è L'Arena su La7, ma supera anche Italia1 e Stasera Italia su Rete4, piazzandosi fra i più visti dello slot.

Che ci faccio qui tornava ieri sera a Corviale con la seconda parte de Il campo dei miracoli, approfondendo fra gli altri argomenti l'opera di Massimo Vallati che si è premurato in questi anni di restituire una dignità e una speranza di riscatto ai residenti del lunghissimo "mostro di cemento" alla periferia della Capitale. 

Con il suo consueto sguardo a metà fra Wim Wenders e Pasolini, Domenico Iannacone ha illustrato con l'aiuto di Vallati la natura del "campo dei miracoli" costruito a Corviale, nel quale si pratica il Calcio Sociale, ovvero "una nuova tipologia di calcio che, cambiando le regole del gioco, si pone l’obiettivo di promuovere i valori dell’accoglienza, del rispetto delle diversità, della corretta crescita della persona e del sano rapporto con la società, in un contesto spesso dominato da valori opposti. Il tutto in una sede recuperata al degrado e all’abbandono, dove sorge una struttura in bioedilizia che ha resistito anche ad un attentato incendiario doloso, creando una radio notturna per rispondere alle intimidazioni e vigilare sul territorio" (da un articolo di Paolo Cignini pubblicato su L'Italia che cambia).

La cifra stilistica di Domenico Iannacone, mai proclive a rincorrere l'effettaccio o il sensazionalismo per racimolare qualche punto di share in più, bensì attenta ed empatica all'ascolto del prossimo dà vita a un racconto mai stucchevole, mai zuccheroso, mai pauperistico delle periferie, riuscendo a illuminarle sotto una nuova luce assieme ai loro abitanti. Di particolare bellezza una frase pronunciata da Massimo Vallati, secondo cui lo "scarto" (sia quello umano, come spesso purtroppo è visto superficialmente l'abitante delle periferie disagiate, sia quello materiale) diviene a Corviale, nell'ambito del calcio sociale, la parte più preziosa. Che ci faccio qui si rivela più che mai un autentico gioiello di Rai3 e del Servizio Pubblico nella sua totalità; gioiello che, in questi tempi di sciatteria e di bieca lottizzazione che rema contro la qualità, andrebbe protetto come una prodigiosa creatura in via di estinzione.

Condividi su:

Seguici su Facebook