Ascolti Tv: Diaco fa flop. E La7 con Formigli fa servizio pubblico al posto della Rai

Io e Te continua il suo declino Auditel in fascia pomeridiana, e in prima serata brilla lo speciale di Piazza Pulita sul Coronavirus

pubblicato il 05/06/2020 in Mediatech da Marco Zonetti
Condividi su:
Marco Zonetti
Corrado Formigli, Piazza Pulita

Gli ascolti Tv e i dati Auditel di giovedì 4 giugno 2020 vedono in fascia pomeridiana su Rai1 Io e Te, programma condotto da Pierluigi Diaco, crollare all'8.8% di share con soli 1.361.000 spettatori, perdendo 300mila unità e quasi tre punti di share rispetto all'esordio. Ci si domanda come sia possibile che, forte di ascolti non entusiasmanti nell'estate del 2019 nella stessa fascia e di risultati decisamente scarsi nella seconda serata invernale del sabato, il soporifero e autorefenziale programma punto d'incontro di vari narcisismi sia stato riconfermato per l'estate del 2020 - con una Rai1 già in ambasce per numerosi flop Auditel - e che si ventili addirittura l'ipotesi di confermare Io e Te nel palinsesto invernale.

Misteri gloriosi della Rai e dell'Ammiraglia, che con l'avvento di Stefano Coletta alla direzione ha dimostrato che più si cambia più è la stessa cosa, se non forse addirittura peggio rispetto a prima. 

Se Io e Te fa flop grazie anche a contenuti sonnacchiosi che paiono prendersi addirittura gioco dell'intelligenza dello spettatore, senza contare i lunghi minuti di canzoni in sottofondo "commentate" dai silenzi sognanti del conduttore che indurrebbero chiunque a cambiare canale (e i dati infatti parlano...), d'altra parte su La7 in prima serata Piazza Pulita di Corrado Formigli assolve invece il compito di Servizio Pubblico abdicato da Rai1 in prime time (occupato da mesi con repliche delle repliche delle repliche).

Il reportage di Formigli sul Coronavirus giunge sui teleschermi privo di sensazionalismi, tempestivo (all'inizio della Fase 3), esaustivo, istruttivo ed esemplare di come vada costruito un programma di approfondimento, sfiorando comunque il 5% di share e quindi in linea con gli ascolti della rete. Prenda esempio l'Ammiraglia Rai pagata dal canone. 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password