"Ferrari Club Appia Antica" - una giornata ricca di benevolenza e altruismo

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 28/05/2020 in Italia da Claudio Di Salvo
Condividi su:
Claudio Di Salvo

In questo imprevedibile 2020 la   Scuderia Ferrari Club -The Official Ferrari Passion -Club Ferrari Appia Antica, ha organizzato un evento di beneficenza, una giornata ricca di benevolenza e altruismo.

Un gesto magnifico da parte della scuderia è stato preso in carico dal  Presidente Giorgio D’Antonio, nonché promotore dell’iniziativa benefica, che con la sua decisione è riuscito a dar vita a un’organizzazione molto singolare e centrata su un obbiettivo ben preciso. 

In sede del  Club Ferrari Appia Antica, insieme ad un congruo numero di persone , tra cui attori, giornalisti, poeti e casting director, sono riusciti a strutturare un evento completamente incentrato sulla volontà di ritornare ad essere uniti tra concittadini italiani, per poter dare una mano a chi ne ha più bisogno in questo momento di difficoltà economica e dando così la forza di sollevarsi alle famiglie più disagiate, mettendo a disposizione generi di pacchi alimentari.

Il Presidente Giorgio D’Antonio, evidenziando la sua grande umanità, con l’idea sociale della rinascita, grazie a piccoli gesti ha riportato il sorriso a tante persone, facendo sentire ai più bisognosi la nostra appartenenza al tricolore italiano. 

Il  Presidente D'Antonio del più rappresentativo marchio italiano, che ha lanciato la luce del lusso e del design automobilistico nel mondo, ha sentito la necessità di abbracciare la causa italiana, in un momento di forte ambascia. 

Essere grandi con i piccoli gesti. Una chiamata alle armi quella di  D’Antonio contro le difficoltà e la disperazione: le eccellenze nazionali unite per gli italiani sulle ali del cavallino rampante.

L'evento si è svolto nella maniera più perfetta possibile, grazie all'enorme disponibilità del Club Ferrari Appia Antica insieme alla Presidente dell' Academy of Art and Image e giornalista  Paola Zanoni, con gli attori  Franco di Maio e  Saverio Vallone, sempre presenti quando si tratta di essere vicini ai più bisognosi, al poeta  Francesco Rosci e infine al casting director  Gino d'Abbruzzi, realizzando tutti insieme uno splendido gesto di solidarietà. 

La vera ammirazione va riconosciuta alla sensibilità che ha avuto il Club Ferrari Appia Antica occuparsi, pienamente, come già successo nello scorso 19 dicembre e il giorno della befana, facendo sorridere tutti i bambini sfortunatamente presenti  nel reparto di ematologia dell'ospedale Umberto 1°di Roma, un ringraziamento particolare va sottoscritto anche al regista  Alessandro Di Filippo ed al poeta Francesco Terrone il quale ha donato a tutti una sua poesia “Non toccate i Bambini”.

Anche questa volta non erano da soli, ad aiutarli con un grande sostegno si sono resi disponibili  Paola Zanoni e alcuni componenti fondamentali, che la sera precedente al 19, sono stati protagonisti del concerto al   conservatorio Santa Cecilia.  Il ricavato del concerto è servito per l'acquisto di doni per i bambini dell'ospedale. Ma la cosa sorprendente per i bambini è stato poter girare sulle ruggenti auto rosse, che con il loro rombo sono riuscite a regalare ai bambini un grande sorriso e tanta felicità,  solo per chi però poteva uscire dalla stanza, invece per quei bimbi che erano obbligati a rimanere in stanza, le favolose Ferrari si sono mostrate sotto le loro finestre in modo che anche chi non avesse potuto uscire per motivi di sicurezza, poteva ammirarle più da vicino. Le azioni che ha compiuto hanno permesso al Presidente ed alcuni soci del Club di ricevere, da parte dell' Academy of Art and Image, l'attestato di Benemeranza. 

La solidarietà è uno strumento formidabile per risolvere i problemi del mondo. Purtroppo non è facile trovare il modo corretto con cui farla. Ci sono troppe richieste di beneficenza e la maggior parte di queste sono poco trasparenti. Se una persona fa beneficenza ha il diritto di sapere come vengono utilizzate le risorse che mette a disposizione e quali risultati contribuiscono a raggiungere. Implementare la raccolta fondi all’interno di un’organizzazione non profit, implica oggi creare consapevolezza in grado di gestire gli investimenti sociali che i cittadini, le imprese o la pubblica amministrazione scelgono di fare a favore di un’azienda non profit e che deve essere gestito in maniera efficace ed efficiente. 

L’iniziativa del  Club Ferrari Appia Antica si inserisce in questa direzione nel solco dritto della migliore battaglia del business etico. 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password