Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Vincenzo Bocciarelli, dalla grande fiction ad un film cinema con De Sica e Papaleo

L'interprete della fiction nostrana in un film al cinema e dichiara: " Sento un forte richiamo verso la sacralità e la magia del cinema che ho ancora avuto modo di vivere a pieno"

Condividi su:

Conosciamo l'attore  Vincenzo Bocciarelli per il suo grande palmares di partecipazioni a fiction di successo, tra le più importanti,  Incantesimo 5, Il Bello Delle Donne 2 e il fortunato fuilletton di Maria Venturi Orgoglio dove interpretava il fragile e confuso Andrea Obrofari, fratello di una stroardinaria Elena Sofia Ricci.

In questi giorni il re della fiction nostrana è al cinema accanto a De Sica e Papaleo nel film " La Scuola più bella del Mondo"

Che ruolo interpreti nel film "la scuola più bella del mondo”?
Nel film "La scuola più bella del mondo" interpreto il dott. Paolo Ghioni direttore della Banca Popolare di Vicenza nonché padre del piccolo Albertino Ghioni primo della classe Toscana, il secchione.
Dove avete girato e come sei stato scelto per il ruolo?
Abbiamo girato soprattutto in Toscana e per l'esattezza nella bellissima zona di Montepulciano e San Quirico d'Orcia. Quando ho saputo che Luca Miniero stava facendo i provini in Toscana, ho rispolverato il mio accento senese, essendo cresciuto a Siena, e mi sono proposto e presentato alle audizioni. Ho desiderato tantissimo far parte di questo bellissimo affresco di umanità e quando dopo il provino mi ha detto " ci vediamo sul set" mi sono sentito la persona più felice del mondo. Il lavoro dell'attore e spesso basato sul fatto di essere scelti o non scelti ma è altrettanto importante per noi interpreti saper "scegliere" le storie, i registi, e le produzioni giuste. Penso che alla base di un percorso di qualità ci sia la capacità di compiere i passi giusti.

Com'è andata sul set, con un cast così importante?
Sul set è stato un vero divertimento a parte i temporali estivi che ogni tanto facevano capolino con scrosci di acqua a non finire e noi barricati nei camper. Ricordo con piacere i giorni trascorsi in una location molto suggestiva: accanto alla bellissima chiesa della Madonna del Buon Viaggio dove abbiamo girato nel grande prato adiacente la famosa scena della rissa. Ricordo con piacere la grande serietà e concentrazione del regista Luca Miniero, il sorriso e l'affabilità del grande Cristian De Sica, la simpatia e disponibilità di Rocco Papaleo, la dolcezza di Miriam Leone, l'allegria di Angela Finocchiaro, oltre alla bravura di tutti loro e della fantastica troupe, gli splendidi ragazzi con i quali mi divertivo ad improvvisarmi professore svizzero facendoli ridere e divertire!!

Cosa stai facendo a teatro in questo momento?
Dopo il grande debutto al Piccolo Eliseo lo scorso ottobre torna a grande richiesta dal 26 al 30 novembre lo spettacolo di successo Duras Mon Amour al Teatro Lo spazio in via Locri con un fantastico cast e la regia di Maurizio Palladino. Rivesto i panni di Yann Andrea Steiner il giovane amante della Duras scomparso lo scorso luglio di quest'anno.

Sei impegnato in un docufilm con Elena Rossi?
In questi giorni stiamo terminando le riprese del docufilm "Gioventù sballata" per la regia del giovane e talentuoso Emanuele Ajello, prodotto da un altrettanto talentuosa Claudia conte. La storia mi vede per la seconda volta quest'anno padre di un giovane con problemi di droga. Accanto a me come moglie la vulcanica Elena russo che ho piacevolmente ritrovato dopo gli indimenticabili tempi della serie di successo "Orgoglio". Nel cast anche Lando Buzzanca, Elisabetta Pellini, Giulio Base.

Quali sono state le tappe fondamentali della tua carriera?
Oltre ai grandi successi teatrali, considero fondamentale la mia esperienza bollywoodiana in India con il film La strada dei colori (andato di nuovo in onda recentemente su Rai Movie) e la mia partecipazione al film internazionale "l'inchiesta " nel ruolo di Caligola accanto a mostri sacri come Max Von Sidow e Murry Abrams.
Preferisci il cinema, la fiction o il teatro?
Quando mi si chiede se amo di più il cinema, la televisione o il teatro mi sento come un padre a cui viene chiesto di scegliere il preferito tra i propri figli. Quando si ama, si ama e basta.... Anche se in questo momento sento un forte richiamo verso la magia e la sacralità del cinema che non ho avuto ancora modo di vivere a pieno.

Altri progetti in cantiere?
È un momento, grazie a Dio, pieno di tante novità e nuovi progetti e proposte in arrivo. Con l'inizio del nuovo anno inizierò le riprese di una serie televisiva di cui non posso ancora annunciare il titolo. Con il tempo si impara a proteggersi dal buco nero chiamato invidia che per fortuna non mi appartiene. Io provo gioia nei successi altrui...

Un sogno da realizzare?
Vorrei un giorno recitare nella splendida serie di fantascienza Extant prodotta da Steven Spielberg accanto alla bravissima Halle Berry.

Cosa fai nel tempo libero?
Oltre ad andare al cinema e "divorare" letteralmente miriadi di film, vado a teatro e alle mostre. Vivere in una città come Roma è davvero un grande privilegio. L'arte e un motore propulsore fondamentale per la nostra vita.

Passioni, hobby particolari?
La mia passione principale è vivere ed amare la vita.
Pratichi sport?
Vado a correre al parco e amo tantissimo camminare.

Sei fidanzato?
Sto conoscendo e frequentando una splendida fanciulla. Un bel pò più giovane di me!! La cosa mi intriga molto.... La sua freschezza e la sua dolcezza mi disarmano letteralmente.
 

( Artista proposto dalla MassMedia Agency di Sante Cossentino e Stefano Telese)

Condividi su:

Seguici su Facebook