Andrea Pimpini parla di Ultimo: "Un artista che riempie gli stadi ed emoziona la gente"

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 11/07/2022 in Interviste da TheGameTV Notizie
Condividi su:
TheGameTV Notizie

Abbiamo incontrato Andrea Pimpini, cantautore abruzzese, da poco tornato sul mercato musicale con la cover di "Era già tutto previsto" (brano di Riccardo Cocciante), per parlare dei prossimi progetti musicali e di attualità.

"Era già tutto previsto"... Come mai hai scelto proprio questo brano?

Ho pubblicato tanti inediti nel corso degli ultimi anni e poche cover. Solitamente le canto dal vivo ma su internet si trovano poche mie interpretazioni di canzoni famose. "Era già tutto previsto" è un brano che sto studiando con la mia insegnante di canto da tanto tempo e negli eventi dal vivo piace molto. Così ho deciso di registrarla. Il messaggio di questa canzone è profondo, c'è quella malinconia mista a rabbia in cui mi rispecchio molto. 

E riguardo ai concerti, stai girando l'Abruzzo...

Più che altro colgo ogni occasione per cantare dal vivo: festival, contest, ecc. Nei contest non canto mai per competere ma per il semplice gusto di fare musica. Studio canto da 4 anni e ho investito soldi: voglio mettere in pratica quello che ho imparato, fare esperienza e vedere l'emozione di chi ascolta. La cosa più bella è quando, dopo aver cantato, mi fermano per parlare un po', si complimentano e mi danno consigli. Anche su internet è bello... però la vera musica la fai dal vivo. Su internet, invece, è tutto finto... e poi incontri il frustrato di turno che per invidia ti critica.

Artisti che segui? 

I miei preferiti sono i Modà e Ultimo. Ultimo l'ho ascoltato questo mese a Pescara. I fatti parlano per lui: riempie gli stadi come Vasco Rossi, emoziona la gente e ha talento. Ha studiato e si vede; ha sofferto e non lo nasconde: è un'artista a cui auguro il meglio e che seguirò sempre e comunque. 

Maneskin? 

Sono felice del successo che stanno avendo. E' un genere che non ascolto il loro però quello che dovrebbero capire gli italiani è che bisogna gioire per i successi altrui e non provare invidia. L'invidia corrode l'anima, è autolesionismo. Vedo tanta gente frustrata ed è brutto quando, invece di rimboccarsi le maniche, se la prendono con chi ce l'ha fatta. 

 

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password