Intervista alla rock band toscana dei 10 Diaz

Intervista alla rock band toscana dei 10 Diaz

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 13/12/2021 in Interviste da Barbara Scardilli
Condividi su:
Barbara Scardilli

Una dimenticanza può accendere un ricordo passato? Un ricordo può diventare reale, può rivivere una seconda volta? Il passato può tornare? Sono le domande che i 10 DIAZ raccontano nel nuovo singolo "Andiamo via", mostrando quello che la vera amicizia può giocare e fare, quando la speranza diventa, ancora una volta, una nuova realtà, ovvero una nuova storia da scrivere e raccontare.

Li abbiamo intervistati per voi, ecco cosa ci hanno raccontato.

Ciao ragazzi, benvenuti. Iniziamo po’ dal principio: come ha avuto inizio il progetto dei 10 DIAZ.
Ciao, intanto grazie per questa bella chiacchierata con te e con tutti i tuoi lettori da parte Ale e di Luca dei 10 DIAZ.
Il nome del gruppo, la sua genesi diciamo... è un po’ buffo e semplice allo stesso tempo, in realtà è l’indirizzo di dove si trova il nostro piccolo studio, ma all’inglese: mi spiego meglio, prima il numero civico e poi la via.  
Poi il progetto è nato nel 2008 ma ha avuto tante evoluzioni, fino a rimanere un duo dopo la vittoria del premio Spazio d’Autore (ex premio Rino Gaetano) nel 2012.
La band poi ha preso un arrangiatore per un paio di album, tanto che poi è diventato pure il nostro tastierista.  
Adesso abbiamo tre turnisti che ci accompagnano da qualche anno ovvero Marco Lemmi (Kram) al basso, Roberto Vannini (Palllino) alla batteria e Massimo Bardelli (il maestro) a piano e tastiere.
Poi Michele Muti Alla direzione Artistica, Pietro Giannetta all’ufficio stampa e la Hammer music di Francesco Falzarano come etichetta, insomma una bella famiglia allargata!
Ma alla base di tutto, il progetto 10 Diaz era nato per realizzare inediti, stanchi di suonare cover, pensavamo che il nostro approccio alla musica fosse rivolto a scrivere, arrangiare e produrre nuove canzoni, che raccontassero quello che la vita ci regalava, le storie, le emozioni i dolori, le esperienze di vita, ecc..

Quali artisti hanno influenzato maggiormente il vostro stile?
Diciamo che è un po’ variegato, io (Alessio) nasco dal Rock anni ottanta internazionale, sono cresciuto coi Pink Floyd, Eagles, U2, Simple Minds, Litfiba, Linking Park, Gorillaz, ecc..; invece Luca, per altro autore dei testi, artisti italiani come Tozzi, Raf, Liga ed i maggiori cantautori italiani e non per ultimo i Queen
Ma in realtà nell’anima 10 DIAZ non esiste una vera e propria influenza, i brani sono sempre molto diversi tra loro, strizzando sempre l’occhio al pop quanto al Rock, nella musica dei 10 Diaz trovi sempre un mondo a se ed un suo suono ben definito

“Andiamo Via” è il vostro nuovo singolo. Quale messaggio volete comunicare con questo brano?
In realtà “Andiamo via” è un inno all’amicizia, Andiamo via non è la fine ma una ripartenza, vi invito a vedere il videoclip, dove per l’occasione, abbiamo aperto a tutti voi il nostro piccolo studio. Spesso la vita coi propri ritmi intensi ci porta ad avere facili fraintendimenti che, se non risolti possono portare a delle vere e proprie incomprensioni e chiusure, ancor di più se consideriamo il periodo che tutti abbiamo vissuto, di Lockdown per Covid.
Ma se ci fermiamo un attimo, e riflettiamo un poco, ascoltiamo noi stessi ci accorgiamo che i veri amici, quelli che ci mancano si allontanano spesso per cose futili, incomprensioni... ed il “dottor tempo” tende a spianare, lasciando in realtà spazio ai bei ricordi, quelli che scaldano l’anima, quella della risata... un po’ sotto i baffi...
Allora rifletti e mandi a quel paese l’orgoglio e per magia il sentimento che sentivi lo trovi corrisposto da quell’amico che hai ritrovato;
Perché in fondo la vera amicizia può essere nel “ritrovarsi”

10 Diaz - Andiamo via (VIDEO UFFICIALE) https://youtu.be/9ntvS4truaY

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password