Tutti hanno talento e ambizione anche i figli d’arte spesso demonizzati per questo. La figlia di Bobby Solo racconta il suo sogno

Ma è vero che i figli d'arte sono senza talento?

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 20/03/2017 in Interviste da monica lia
Condividi su:
monica lia

Ma è vero che i figli d’arte sono senza talento e raccomandati? La mia curiosità è stata talmente grande che , quando ho incontrato Veronica Satti ,figlia di Bobby Solo, nello studio di Domenica Live, non ho potuto a fare a meno di chiederle se ha un sogno nel cassetto.

La figlia del celebre cantante ha esordito con queste risposte:

Mi chiamo Veronica Satti e sono fiera di essere figlia del famoso cantante Bobby Solo, parlo della mia esperienza ormai senza vergogna e ne faccio tesoro per comprendere quelle degli altri. Non ascolto più le cattiverie della gente che non mi conosce ma solo critiche costruttive e non sono una raccomandata.

Può il sangue pesare più dei ricordi mancati?

Prima di indossare il camice da Lil’ Boss ho indossato quello del paziente; Eppure quei giorni tra le mura bianche e l’animo nero, mi hanno ridonato i colori per ribaltare questa mia condizione. Forte delle mie debolezze ho deciso di prendere per mano il team di The Clinical per incorniciare le opere di artisti “senza voce”. Ho sognato questo format terapeutico, questa Factory online per i giovani artisti per creare sinergie, comprendere le alienazioni, catalizzare il dolore e l'apatia, senza la presunzione di guarire ma con l'intenzione di costruire.

Quindi “The Clinical” è il sogno che presto realizzerai ?

Si, è’ il sogno nato proprio in quel malessere causato dalle difficoltà con mio padre, dal gravoso esaurimento nervoso, gesto di rivolta contro la vita sfociato nel ricovero di un mese.

Veronica ti fermi qui oppure hai altri progetti in vista.

Sicuramente non mi fermo qui!! Quando ho preso coscienza della vita da adulti ho sempre desiderato scrivere un libro per bambini (e non di farmelo scrivere). Questo mio secondo progetto in fase embrionale da qualche anno sta prendendo sempre più forma. Una "denuncia" ambientalista, sarà un modo per informare anche gli adulti perché il libro nella sua umiltà parla di animali estinti a causa dell'incuria degli uomini dai tempi più antichi a oggi, quindi che dire ora... rise up!”

L’intervista si chiude qui! La mia curiosità è stata soddisfatta, ho capito che Veronica è una ragazza molto determinata, sa quello che vuole dalla vita ed un vero talento.

Ringrazio Veronica per la disponibilità e le auguro tanta fortuna per i suoi progetti futuri..

                                                                                                                                                                                                                                                                                   Terry Devol

Ph: Gianmarco “Sane” Ciullo

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password