Telefonia, nozze in vista Nokia-Alcatel

Possibile opsc su gruppo francese

pubblicato il 16/04/2015 in Economia da Gianluca Vivacqua
Condividi su:
Gianluca Vivacqua
Logo Alcatel-Lucent

Una nuova corazzata è pronta a solcare i mari del mercato delle telecomunicazioni.

Per cannoni ha le antenne della copertura mobile e per timone una batteria di cellulare. In plancia di comando una tastiera a nove cifre. Ė la corazzata che potrebbe nascere dal matrimonio d’interesse tra Nokia, l’azienda finlandese che è leader dal 1992 nella tecnologia e nei contenuti per cellulari  e nel 2014 è stata acquisita da Microsoft, e Alcatel-Lucent, gruppo nato nel 2006 dalla fusione tra due aziende francesi, la Alcatel, da sempre grande protagonista nel settore della trasmissione ottica e a ponti radio (oltreché delle comunicazioni via cavo sottomarine), e la Lucent Technologies, succursale transalpina della statunitense AT&T (American Telephone and Telegraph Incorporated).

I vertici della Nokia martedì 14 aprile hanno formalizzato l’intenzione di lanciare a breve un’offerta pubblica di scambio per l’acquisizione del gruppo francese. Ė un genere particolare di offerta di pubblico acquisto (opa), basato sullo scambio di azioni tra la società che propone l’offerta e quella che deve accettarla. 

La notizia è confermata anche dai dirigenti di Alcatel-Lucent. Nel giorno stesso in cui gli uffici stampa delle due società hanno diramato, quasi congiuntamente, l’importante comunicato, gli amministratori delegati di entrambe le parti sono stati ricevuti per un primo faccia a faccia dal presidente francese Hollande.

Il ministro dell’Economia Emmanuel Macron ha annunciato che vigilerà sugli sviluppi di questo matrimonio, e sulle ricadute occupazionali che potrà comportare.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password