BCE, centrodestra: attacco all'economia dell'Italia

pubblicato il 11/06/2022 in Economia da Emanuele Gulino
Condividi su:
Emanuele Gulino

Lo stop che la Bce ha all'acquisto di titoli di Stato ha scatenato il centrodestra contro la banca centrale. Parla Matteo Salvini: "Bce, Commissione e Parlamento europeo è partito un attacco contro l'Italia, c'è chi specula e vuole svenderci come la Grecia", il capo della Lega ha convocato una riunione urgente lunedì, per "reagire subito per difendere il lavoro e i risparmi degli italiani".

Secondo Antonio Tajani "la signora Lagarde poteva aspettare qualche mese, sarebbe stato più giusto attendere di far calare il prezzo dell'energia e poi decidere".

Giorgia Meloni sulla mossa di Francoforte: "intempestiva e inopportuna, non siamo ora in una posizione tale da rivedere il quantative easing", la politica per "creare moneta" acquistando titoli di Stato.

Poi Meloni si augura che Mario Draghi usi "la sua presunta autorevolezza per chiedere una compensazione per le nazioni che pagheranno di più".

Mario Draghi a maggio diceva: "La Bce forse o sicuramente smetterà di comprare titoli. Non mi aspetto per il momento grandi traumi".

Luigi Marattin (IV) critica Salvini: "L'aumento dei tassi era stato annunciato almeno sei mesi fa. Ma per accorgersene bisogna sapere di cosa si tratta e preoccuparsi di qualcosa d'altro che non lo slogan migliore, sono proteste affatto inedite. Come quando il leghista a settembre 2014 definiva una "cazzata" la riduzione dei tassi, indicando come "unica soluzione sciogliere l'euro". Ora Salvini denuncia "un attacco alla vita e all'economia del Paese".

Enrico Letta invita alla responsabilità: "Ogni fibrillazione in più al governo ha effetti negativi sul debito. L'Italia, per il suo debito pubblico, rischia seriamente con questa instabilità dei mercati".

Le parole di Giuseppe Conte: "La svolta della Bce creerà nuove difficoltà alle famiglie. Abbiamo tutti gli ingredienti per una miscela esplosiva". Per Carlo Calenda (Azione): "Lagarde ha preso una decisione inevitabile, ma anche un po' inutile, perché per raffreddare l'inflazione serve invece un tetto al prezzo delle materie prime".

(Foto e Fonte Ansa.it)

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password