Col Dpcm in vigore parrucchieri e barbieri continuano le proteste

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 26/03/2021 in Economia da Redazione
Condividi su:
Redazione

Mentre a Roma si discute il Nuovo Dpcm, che vede il Lazio con “l’ipotesi” di tornare Arancioni, a far discutere è soprattutto una novità inserita nel mandato in vigore, riguardante le disposizioni per parrucchieri, barbieri ed estetiste in zona rossa. La chiusura, nelle zone rosse, scatena la polemica della categoria che da settimane sono chiusi e rischiano il fallimento.

“Sono arrivati solo due ristori da 600 euro – afferma Bruno Tramentozzi , noto Hair stylist del settore- mi auguro che da Martedì si possa realmente concretizzare l’ipotesi della nostra riapertura, non riusciamo a capire come si possano applicare sul nostro settore restrizioni ancora più severe; Abbiamo speso tanto per adattare i nostri saloni e renderli sicuri, rispettando tutte le norme in vigore”.

Continuano le proteste, il settore è in ginocchio e non riceve aiuti, sperando in una riapertura imminente nel frattempo c’è chi realmente rischia un crollo irreparabile.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password