Proteste tra vari settori DIMENTICATI

pubblicato il 14/01/2021 in Economia da Emanuele Gulino
Condividi su:
Emanuele Gulino

Migliaia di ristoratori sono pronti a non rispettare più le regole e quindi a riaprire anche la sera cominciando da domani. C'è un altro settore esasperato, quello del noleggio con conducente che avverte di essere pronto a bloccare le strade se non arriveranno aiuti immediati. Gli "interventi" del Governo contro la crisi causata dall'emergenza sanitaria hanno dimenticato pure il settore dei bus turistici, pronti anche loro a manifestare a Roma tra autisti, imprenditori e dipendenti. Le proteste e le opinioni sono comuni: "Ristori uguali per tutti" viste le mancanze legate ai decreti "salva impresa" conosciuti, per l'appunto, come decreti ristori. Riccardo Verona, presidente del comitato bus turistici italiani, denuncia il mancato arrivo omogeneo dei fondi promessi, appena 10 milioni sono arrivati e sono stati ripartiti tra i bus scoperti e per coprire appena le perdite del solo mese di aprile.

(FOTO ANSA)

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password