Elimina (in modo nonviolento) i vampiri del tuo tempo prezioso

Nel business il tempo è denaro. Riconosci e evita chi ti fa perdere tempo

pubblicato il 16/10/2019 in Economia da Giorgio Nadali
Condividi su:
Giorgio Nadali

di Giorgio Nadali

Lo abbiamo sperimentato tutti. Uno degli aspetti più fastidiosi del business è rappresentato da chi - per una ragione o per l'altra - ti fa perdere tempo. Lo sappiamo - inutile ripeterlo - il tempo è denaro. La categoria dei vampiri del nostro tempo è variegata. Vediamo classifica e antidoti.

1) La lumaca umana. Lavora a velocità molto rallentata rispetto a te

Sono le persone che per una ragione o per l'altra (mancanza di talento, cattiva gestione del proprio tempo, sottovalutazione della tua importanza, incapacità di concentrarsi su un obiettivo, ecc.) ti consegnano il lavoro richiesto in forte ritardo.

Antidoto: Verifica attentamente le informazioni circa il business partner. Fai affari solo con persone del tuo stesso valore - o meglio - superiore. In caso positivo devi fargli percepire il tuo valore e l'importanza del fare affari con te. Ti consiglio una comunicazione persuasiva. Nella comunicazione, lo sappiamo, non importa quello che dici (o scrivi), ma quello che l'altro poi capisce e soprattutto come lo percepisce e quanto lo emoziona. Segui un corso di comunicazione efficace con un tale Prof. Giorgio Nadali.

2) L'entusiasta. Ti contatta, lo incontri. Nulla di fatto. Ciao, ciao

Se il nulla di fatto non dipende da te (autocritica) dipende sicuramente da lui. Sotto categoria dei vampiri di tempo: a) Un megalomane che chissà cosa credeva di ottenere, senza averne le capacità. b) Un illuso. Non ha i mezzi e le risorse sufficienti per portare a compimento il progetto e lo scopre sempre dopo. c) Non sa organizzarsi. d) Si è lasciato irretire da una concorrenza più economica e di livello decisamente inferiore. e) Non ha capito chi sei e cosa puoi offrirgli. (vedi sopra)

Antidoto: Per i punti da "b" a "e": Seguite tutti e due un corso, sempre col tale Prof. Giorgio Nadali che tanto è già ricco di suo e lavora solo per passione e nel vostro esclusivo interesse. Si diverte a far crescere aziende e persone di valore che non scoprono improvvisamente di avere "problemi di budget" (come l'entusiasta) e trova pure il tempo di scrivere "articoli" come questo. Per il punto "a", offrigli dieci sessioni di psicoterapia del business. Se l'entusiasta "ha problemi di budget" non deve "cercare di risparmiare", ma "cercare di fatturare di più". E' tutto un fatto di mentalità. Regalagli gli ultimi due libri del Nadali con una bella dedica e scaricali nelle spese di rappresentanza, oppure vai all'Università di Harvard e affittali là e poi prestaglieli.

3) Il Dio del business. Vive in un tempio degli affari

Facilmente riconoscibile perché il suo abito profuma costantemente di incenso. A volte trovi tracce di saliva estranea sotto il fondo della sua giacca. Pensa che tutto gli sia dovuto ed è assolutamente privo di gratitudine per chiunque e qualsiasi cosa. Non ti taggherà o ringrazierà mai su Linkedin, né in qualsiasi altro luogo reale o virtuale della Terra. Dopotutto è Dio!

Antidoto: Se non sei anche tu una divinità del business perché c.... vuoi fare affari con lui? Se è per crescere ti do ragione, ma ci sono altri sistemi. Fai network con le persone "giuste", studia, fatti conoscere, crea e porta valore al tuo settore. Trova un mentore. Sali sulle spalle di un gigante che non si sente Dio, cioè un super eroe. Comunica tutto questo in modo efficace. E se il business partner si sente Dio, posso assicurarti che non lo è. Il vero successo - incredibile ma vero - non cerca ammirazione, ma eccellenza. Diventa eccellente e non sentirti Dio. Quello celeste - così dicono - non se la tira. Anzi.

4) L'evanescente. Non ti risponde mai e fugge da te

Fa coppia divina con quello che si sente Dio. Solo che lui è solo (o crede di esserlo) un semidio. Magari è innamorato e fugge da te perché in amore vince chi fugge. Non ha tempo di risponderti perché non è in grado di capire quanto vali (vedi punto a). Non sa gestire il suo tempo o pensa che il suo tempo valga più del tuo. Non sa cosa dirti perché lo hai lasciato senza parole. Però non lo emozioni. Mollalo.

Antidoto: Chiama i Ghostbusters

5) Il problematico

Persona negativa. Non gli va bene niente. Ma il problema non sei tu. A volte è difficile avere delle corna e portarsi questo peso sul posto di lavoro. Non devi prenderla sul personale, soprattutto se tu le corna non ce le hai (verifica bene). Quante volte ti devo ripetere che non devi mai fare entrare nel tuo entourage persone negative? Le puoi riconoscere: "ma, se, forse, quando, e se poi?, ormai, sempre". Sono tossiche. Se non sei disperato eliminalo subito. Se sei disperato chiediti perché.

Antidoto: Raccolta differenziata

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password