Assunzioni in Credem e UniCredit. UGL Sicilia: “Due banche controcorrente, un esempio da seguire ma non è sufficiente”

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 21/06/2019 in Economia da Filippo Virzì
Condividi su:
Filippo Virzì

Per Banca Credem un  totale di 1.500 assunzioni in poco più di cinque anni, un aumento complessivo del Gruppo superiore all'11% con l’'obiettivo del Gruppo  di inserire 150 nuove persone entro i prossimi 12 mesi, con la maggioranza dei posti destinati ai giovani. 

“E’ un trend che merita il nostro plauso -  questo è quanto dichiara l’UGL Sicilia -  con particolare riferimento alla regione Sicilia, dove  il Credito Emiliano va decisamente controcorrente in un contesto sociale isolano di grande instabilità lavorativa e di precariato cronico”.

“E’ un esempio da seguire, ma non è sufficiente in una terra dilaniata dalla inoccupazione -  conclude l’UGL  Sicilia -  e considerato a maggior ragione che le banche grazie ai loro utili dichiarati godono di buona salute frutto di grandi sacrifici dei bancari  e di piani industriali lacrime e sangue, rileviamo anche che nella nostra isola c’è anche UniCredit che sta provando timidamente a fare assunzioni sul territorio, con i contratti di apprendistato professionalizzante e le assunzioni con contratto a tempo determinato, i cosiddetti stagionali” della durata di tre mesi, comunque a nostro avviso  numeri insufficienti a sopperire alla grave carenza di personale nelle filiali, per cui ci auspichiamo almeno nella  stabilizzazione dei trimestralisti e nell’aumento del numero degli inserimenti stessi al fine di consentire ai lavoratori di Unicredit  di potere usufruire di un corretto e sereno godimento delle ferie estive”.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password

Video in evidenza