Ape: manca la piattaforma, rischia di slittare

Per la pensione volontaria manca la piattaforma elettronica

pubblicato il 11/04/2017 in Economia da Samantha Ciancaglini
Condividi su:
Samantha Ciancaglini

Lo chiarisce il Consigliere economico della Presidenza del Consiglio, Marco Leonardi: l’Ape volontaria rischia di non essere ancora all’ordine del giorno, perché la piattaforma elettronica è ancora da definire.
Potrebbe richiedere, quindi, molto più tempo dell’Ape sociale, ancora in attesa di decreti attuativi, collegata strettamente all’Inps.

Secondo Leonardi l’introduzione dell’Ape volontaria rappresenta un tassello importante sul fronte della flessibilità in uscita dei lavoratori, tanto più alla luce del fatto che "L'anticipazione dell’età pensionabile per tutti non è più possibile prima di tutto dal punto di vista demografico", ma i numeri delle persone che potranno essere coinvolte non è facilmente prevedibile. "Se possiamo ipotizzare che nei prossimi due anni l’Ape sociale potrà essere utilizzata da circa 50mila persone - ha chiarito Leonardi - per quella volontaria i numeri sono più difficili da valutare".

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password