Fisco: recupero dell’evasione record nel 2016

"Incasso triplicato in 10 anni, salito del 28% sul 2015"

pubblicato il 06/04/2017 in Economia da Samantha Ciancaglini
Condividi su:
Samantha Ciancaglini

"Il  maggiore risultato mai conseguito dall'istituzione" dell'Agenzia delle Entrate" lo ha detto il direttore dell'Agenzia, Rossella Orlandi un una audizione alla Commissione Finanze della Camera”.
Il 2016 è stato un anno record per il recupero dell'evasione pregressa con 19 miliardi di euro.
"Si tratta - ha proseguito -di un'attività su cui abbiamo investito molto per affinare le nostre capacità di estrazione e di analisi ed evitare, quindi, l'invio di avvisi imprecisi o inesatti". Nei 10,5 miliardi sono inclusi anche gli incassi da attività di accertamento relativa alla voluntary disclosure. Sono stati incassati oltre 4,1 miliardi . Un risultato, quest'ultimo, che "è andato oltre le previsioni, quantificate in circa 3,8 miliardi di maggiori Entrate, grazie alla certosina attività di controllo".

Si tratta di entrate che possono definirsi in parte "strutturali", poiché comportano un significativo allargamento della base imponibile per gli anni futuri, oltre che un patrimonio informativo classificato con una specifica applicazione che è destinato ad affinare e condizionare in positivo le ulteriori e future azioni di deterrenza. Infine, circa 500 milioni provengono da versamenti spontanei da compliance.  Dei 19 miliardi complessivi - ha detto ancora Orlandi -  ben 13,7 dipendono da versamenti diretti cioè da pagamenti che non hanno richiesto l'attivazione di procedure coattive. Un dato in crescita del 34%.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password