"Abolizione sostituto d'imposta" - La proposta del P.P.I. che fa discutere

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 11/09/2016 in Economia da Paolo Ambrogi
Condividi su:
Paolo Ambrogi

 

 

Ha fatto discutere , la proposta di Lino Ricchiuti leader del Popolo Partite Iva in tema di riforma fiscale. Di cosa stiamo parlando? Dell’abolizione della figura del sostituto d’imposta, per quanto riguarda, in particolar modo, le ritenute applicate alla fonte sui frutti del lavoro del lavoratore dipendente (del solo settore produttivo di mercato ovviamente, altrimenti saremmo costretti a parlare di una mera partita di giro contabile), che devono essere obbligatoriamente e  generosamente collettate e veicolate nelle casse dell’erario, da parte del suo datore di lavoro. 

Trattasi a detta dello stesso Ricchiuti ,  inequivocabilmente, di un meccanismo impositivo tanto schiavistico ed arbitrario, almeno quanto torbido ed immorale. Per quali motivi? " Da un lato, - dichiara il Ricchiuti - il datore di lavoro è coercitivamente obbligato, ad assolvere un’attività che non gli è propria, trasformandosi, suo malgrado, in un vero e proprio gabelliere per conto dello Stato. 

D’altro canto, il contribuente effettivo, in questo caso il lavoratore dipendente, non solo “i lavoratori dipendenti vengono tassati prima ancora di ricevere un qualsiasi servizio”, ma “spogliandoli alla fonte essi non si rendono realmente conto di quanto realmente ammontino le tasse nei loro confronti”.

A supporto di tale proposta inoltre , viene richiamato l'art. 23 della costituzione che , riprendendo il post pubblicato sulla sua pagina Facebook "sancisce che nessun cittadino può essere obbligato a lavorare gratuitamente per lo Stato (fuorché per il servizio militare e in caso di calamità naturale) e fare da sostituto di imposta è indubbiamente un lavoro, tant’è che ogni anno ogni piccolo, medio o grande imprenditore spende migliaia di euro in consulenti del lavoro per la compilazione della busta paga."

Non è la prima volta che questo tema entra nel dibattito politico , lo era stato nel programma di Forza Italia nel 94 e anche i radicali avevano provato a indire un referendum poi non convalidato dalla cortte costituzionale , perchè riguardava materia fiscale e quindi non realizzabile . 

L'intera proposta di legge con relativa relazione è disponibile a questo link : https://www.facebook.com/Ricchiuti.Lino/photos/a.306948912759502.72889.303303583124035/1059275220860197/?type=3&theater

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password