Istat, industria torna a volare in aprile

+2,1% rispetto al mese precedente

pubblicato il 28/06/2016 in Economia da Gianluca Vivacqua
Condividi su:
Gianluca Vivacqua
Logo dell'Istat

Primavera di ripresa per l’industria italiana.

I dati Istat fotografano una crescita del fatturato che si attesta, in aprile, al +2,1% rispetto a marzo. E l’incremento relativo ai ricavi delle vendite è accompagnato da un parimenti non disprezzabile incremento della domanda, che sale al +1% in confronto al mese sacro al dio della guerra.

C’è da essere soddisfatti: si tratta – non ci sono dubbi – delle cifre migliori in assoluto disponibili dalla fine del 2015 felix. Come si può facilmente arguire, però, aprile 2016 è campione nel congiunturale - cioè, appunto, nel confronto con marzo del corrente anno -, ma deve cedere il passo ad una lettura tendenziale, ossia nella comparazione con aprile del 2015: nei confronti di quest’ultimo, infatti, è in svantaggio di tre punti percentuali se si calcola l’indice grezzo del fatturato, e addirittura di undici calcolando invece quello degli ordinativi.

Scendendo sul piano tecnico della genesi dei dati, si vede che l’aumento del fatturato è sospinto dalla crescita del mercato interno (+3,1%), mentre quello estero fa registrare una situazione di sostanziale stabilità (+0,2%).

Eppure sui numeri riguardanti la domanda (cioè, come abbiamo detto, la voce "ordinativi")  la parte del leone la fa proprio l'estero: in effetti, il dato di via Cesare Balbo deriva precisamente da una flessione sul mercato interno (-3,9%) combinata con un’impennata consistente su quello estero (parliamo di qualcosa come +8,1%).

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password