Chiude il Pantalonificio d'Abruzzo. Melilla: interrogazione a Poletti

Il Deputato Sinistra Italiana Melilla si attiva per proroga cassa integrazione

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 28/04/2016 in Economia da Doriana Roio
Condividi su:
Doriana Roio
Novità tessuti

Ad un passo dalla chiusura, il Pantalonificio d'Abruzzo, l'azienda tessile del Gruppo Canali sita nella Val Sinello a Gissi (Ch), spera in un prolungamento degli ammortizzatori sociali e in una possibile soluzione in extremis. Si attiva il Deputato Sel - Si Gianni Melilla con un'interrogazione a risposta scritta indirizzata al Ministro del Lavoro Giuliano Poletti:

"Apprendiamo a mezzo stampa che la procedura di cessazione dell’attività del Pantalonificio d’Abruzzo sarà avviata a breve. L'azienda conta 96 dipendenti, la maggior parte donne. La proprietà chiuderà definitivamente la fabbrica di pantaloni della Val Sinello. Questa è purtroppo l’ennesima brutta notizia ricevuta per la zona industriale della Val Sinello che vive un momento drammatico dal punto di vista occupazionale. I sindacati in una nota si appellano a tutte i livelli istituzionali , compreso il Ministero per evitare che la situazione precipiti. La cassa integrazione per i lavoratori termina il 29 aprile. La speranza è che gli ammortizzatori sociali possano essere prolungati almeno fino ad aver individuato soluzioni positive alla vertenza.

Ci si chiede se il Ministero del Lavoro  non intenda intervenire con urgenza per prolungare la cassa integrazione ai 96 dipendenti,  ed evitare così un dramma occupazionale in un'area già fortemente colpita".

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password