Germania: il grido dei rifugiati “Abbiamo freddo”

Le temperature sono scese e i migranti alloggiati alla meglio iniziano a soffrire il freddo

pubblicato il 18/10/2015 in Dal Mondo da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

"Abbiamo freddo!"  secondo il quotidiano tedesco Die Welt è questo il grido più alto dei  rifugiati. I più vivono in tende di fortuna  e la situazione si complica adesso che temperature precipitano.  Le autorità stanno cercando delle soluzioni ma è difficile vista la molte di persone arrivate nel paese. Politici e dirigenti dichiarano di non avere la bacchetta magica per creare di colpo alloggi per migliaia di persone. 

Ad Amburgo , grande porto del nord il termometro è sceso vertiginosamente, trasformando le notti senza riscaldamento in un  incubo e pensare che l’inverno tedesco in tutto il suo rigore non è ancora iniziato. Nella grande città portuale dormono nelle tende 4000 migranti che si lamentano per il freddo  e si vuole trasferire il prima possibile donne e bambini.

In totale, in Germania, ci sono almeno 42.000 rifugiati, il paese si trova ad a dover affrontare un’accoglienza senza precedenti. I migranti sono stati sistemati usando soluzioni fantasiose : Container,  tendopoli,   caserme militari, o negozi convertiti in centri di accoglienza. 
A Berlino, una delle sale espositive che ospita nel mese di gennaio la fiera agricola è stata trasformata in un centro di accoglienza. Un migliaio di profughi sono stati accumulati su letti a castello separati da pareti di compensato. Alcune Palestre sono state requisite  causando le lamentele di alcuni genitori che vedono i loro figli privati della lezione di  basket o pallavolo.
Nella capitale le centinaia di migranti che fanno la fila davanti al principale centro di registrazione di domande di asilo si sono protetti con delle coperte per resistere durante le lunghe ore di attesa. Sta aprendo un nuovo centro di registrazione per migliorare al situazione ma gli arrivi sono moltissimi . Prima del grande esodo fa sapere l’assessore  agli  Affari Sociali, Berlino accoglieva dai 1500 alle 2000 domande di asilo all’anno. In questo momento è il numero dei rifugiati  che arriva al centro ogni giorno.

Angela Merkel ha promesso ai sindaci che sarebbe stata una soluzione transitoria e che sono in costruzione baracche di legno per proteggere i migranti dal freddo ma è difficile far fronte e  gestire una situazione che   sta diventando ogni giorno sempre più difficile. 
 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password