Ucciso migrante dalla polizia bulgara al confine con la Turchia

La vittima è un afghano che faceva parte di un vasto gruppo

pubblicato il 16/10/2015 in Dal Mondo da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Un migrante afghano facente parte di un gruppo di 48 persone non ha rispettato l'ordine di fermarsi al confine tra Turchi e Bulgaria nei pressi di Sredets ed è stato ucciso dalla polizia di frontiera. Questo è quanto riporta una fonte ufficilae del minstero degli interni bulgaro.

I migranti pare avessero un atteggiamento molto aggressivo e non hanno rispettato lo stop intimato dalla polizia, a quel punto è partito lo sparo, L'uomo sarebbe morto nel tragitto verso l'ospedale.

Secondo la radio pubblica bulgara Bnr, è da capire se l'uomo sia stato colpito da un colpo di  rimbalzo sparto in aria per avvertimento o se sia stato invece mirato intenzionalmente.

Ironia della sorte  il  primo ministro bulgaro Boyko Borisov ha ricevuto la notizia dell'incidente mentre partecipava alla riunione del consiglio europeo a Bruxelles sull'immigrazione ed ha lasciato in anticipo il vertice per rientrare in patria. E' il primo caso in assoluto in tutta Europa di un migrante ucciso mentre tenta di passare la frontiera. 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password