USA: in Pennsylvania terribile incidente tra un tir e un pullman con a bordo un gruppo di turisti italiani

Drammatico il bilancio delle vittime: tre morti e dieci feriti

pubblicato il 04/06/2015 in Dal Mondo da Lucia Di Candilo
Condividi su:
Lucia Di Candilo

Una vacanza negli Stati Uniti a cui non poteva mancare una visita alle famose Cascate del Niagara, a confine con il Canada. Erano partiti da New York alle 7:30 di stamattina, in pullman. A bordo c'erano 14 turisti italiani, la guida e l'autista. Appena due ore di viaggio e subito la tragedia: un tir perde il controllo invadendo la corsia opposta su cui stava viaggiando il pullman. 

L'impatto frontale è devastante, i testimoni parlano di scena apocalittica e raccapricciante: la cabina del camion scaraventato a metri di distanza, il bus sventrato nella parte anteriore e 3 persone che muoiono sul colpo. A perdere la vita è l'autista, un italoamericano di 54 anni, e due turisti italiani. Una decina i feriti di cui 4 in condizioni molto gravi. Immediati i soccorsi: autostrada bloccata e chiusa per molte ore, arrivano le ambulanze e gli elicotteri che fanno la corsa tra 3 diversi ospedali. Difficile estrarre i feriti, alcuni sono letteralmente incastrati tra le lamiere del bus. 

La polizia sta indagando sulle cause dell'incidente, si ipotizza un colpo di sonno, un guasto meccanico o un malore improvviso del conducente dell'autoarticolato. 

Il più giovane a perdere la vita nell'incidente è Marco Fornasetti,  aveva 29 anni, faceva il farmacista ed era in viaggio di nozze con la moglie Elena. Venivamo dalla provincia di Vicenza, lei è rimasta ferita al bacino e alla testa ma non è in pericolo di vita. Per lui, invece, non c'è stato niente da fare, è rimasto incastrato tra le lamiere. Si erano sposati sabato scorso. "Marco non c'è più", sono state le uniche parole che la ragazza è riuscita a dire con una telefonata ai genitori del marito. L'Impatto è stato fatale anche per un 70enne bresciano di cui il nome non è ancora stato noto. La Prefettura di Brescia sta tentando di mettersi in contatto con i figli dell'uomo separato e in viaggio con la nuova compagna che adesso è ricoverata in gravi condizioni.  

La Farnesina per ora non ha rilasciato ancora nessun comunicato ufficiale sull'identità delle persone ferite. Alcune famiglie devono ancora essere avvisate. Il tour operator che ha organizzato il viaggio ha istituito un'unità di crisi per coordinare l'emergenza per assistere i feriti e le famiglie dei due turisti morti.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password