Airbus 320, trovata la scatola nera: la testimonianza di uno dei primi soccorritori

Il velivolo è sceso da 11.500 metri a 2.100 metri in meno di 10 minuti

pubblicato il 24/03/2015 in Dal Mondo da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Sull'aereo viaggiavano 145 passeggeri più  sei membri dell'equipaggio. Tra loro anche una scolaresca tedesca e due neonati . Il primo ministro francese Manuel Valls ha sospeso per 24 ore la sua campagna elettorale, il re di Spagna Felipe la sua visita in Francia e la Merkel si recherà sul luogo domani per rendersi conto in prima persona dell’accaduto.

“Trecento  vigili del fuoco, 300 soldati della Gendarmeria Nazionale, 10 elicotteri e aerei militari sono stati dispiegati sul posto” ha fatto sapere  il ministro dell'Interno francese ,  parlando  di "misure eccezionali". I primi a raggiungere  il luogo del terribile incidente , sono stati  gli uomini della forestale francese  che conoscono bene l’area. 
L’ufficio d’inchiesta e di analisi (BEA) dichiara di aver aperto l’inchiesta . Sette ispettori hanno accompagnato  dei tecnici sul luogo del disastro e si attendono  presto  i tecnici tedeschi  che hanno costruito l’apparecchio.

Christophe Castaner,  uno dei primi soccorritori , guardia della Forestale per  zona della Alpi di Alta Savoia ha dichiarato una volta intervistato dalla Tv francese : " Ci sono pezzi di aereo su un ettaro e mezzo di terreno, un’area  estremamente ripida impervia e per questo  difficilmente accessibile . Quando ho visto la violenza dell’impatto ho subito pensato che non era possibile che qualcuno fosse sopravvissutoHo visto una catastrofe :  donne, uomini, adolescenti bambini è stata veramente dura”   non ho visto il punto dell’impatto ma fumo e pezzi di aereo ovunque.  Pezzi  non  molto grandi,  perché deve essere esploso tutto in mille pezzi, schizzati via completamente, è come se fosse planato su un muro perché l’aereo ha impattato su una roccia durissima. Christophe Castaner  fa sapere che alle 17, 30 è stata ritrovata una delle scatole nere.  Dal suo studio si capirà meglio la dinamica dell’incidente.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password