Usa, Obama contro ebola

Tremila militari pronti a partire per l’Africa occidentale

pubblicato il 18/09/2014 in Dal Mondo da Gianluca Vivacqua
Condividi su:
Gianluca Vivacqua
Obama lancia un piano contro l'ebola

Non solo Isis: c’è anche l’ebola nella testa di Obama. Che nelle terre martoriate dallo spaventoso morbo ha in mente di mettere in piedi una strategia simile a quella  già attuata in Iraq: inviare forze di supporto. Come per peshmerga e iracheni, la parola magica è ancora quella: consulenti sul campo. Ingegneri e personale ospedaliero che collaboreranno con medici e infermieri del posto, oltre che con le organizzazioni sanitarie internazionali. Ma non solo: anche un generoso contingente militare che darà una robusta mano nel garantire velocità e protezione ai trasporti, sicurezza alla movimentazione di materiali e strumenti, coordinamento alle operazioni di soccorso. Senza dimenticare che, come dice la presidente di Medici Senza Frontiere, Joanne Liu, “lottare contro questo virus è ormai diventato una vera e propria guerra”. Per la comunità internazionale e gli Usa, dunque, un fronte bellico non meno importante di quelli vicino- e mediorientali. Tremila uomini stanno per arrivare in Liberia. Il loro quartier generale sarà a Monrovia, dove accanto a quartieri appena usciti dalla quarantena ce ne sono altri in cui l’emergenza è ancora al massimo grado. Come Paynesville, alle porte della capitale: qui, allo stato attuale, a fronte di una domanda di più di un migliaio di posti letto, ce n’è una disponibilità pari a poco più di cento.
Operation United Assistance: questo il nome ufficiale della campagna anti-ebola. Tutti i particolari sono stati  forniti dal presidente nel corso della conferenza di presentazione dell’iniziativa, tenutasi il 16 settembre presso il Centers for Disease Control and Prevention di Atlanta. 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password