Tensioni tra Cina e Vietnam

La Cina ha impiantato una piattaforma petrolifera in territorio vietnamita

pubblicato il 05/06/2014 in Dal Mondo da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Questo il testo della lettera che il vice presidente vietnamita la signora Nguyên Thi Binh ha inviato al mondo.

Cari amici 
Molti di voi mi hanno chiesto  cosa succede in Vietnam. Il popolo vietnamita ha lottato tanti anni con tanti sacrifici e sofferenze e deve ancora continuare a lottare ? Perchè la Cina vuole violare la sovranità del Vietnam ?  Non è forse vero che in passato la Cina ha sostenuto il Vietnam nella sua lotta contro l’aggressione americana ? La Cina non è forse un paese socialista diretto da un partito comunista ?  Sono domande che lo stesso popolo vietnamita si pone. 
Oggi il popolo vietnamita si sforza di ricostruire il paese che si sviluppa progressivamente incontrando sul suo cammino molteplici difficoltà e prove e malgrado i suoi sforzi il Vietnam rimane un paese povero che fa del suo meglio per  creare un clima pacifico  stabile e pronto a cooperare con gli altri paesi per il suo sviluppo. 
Con gli Stati Uniti lo stesso paese che ci ha causato tante difficoltà il Vietnam ha deciso di lasciar da parte il passato per guardare all’avvenire, con la Cina nostro grande vicino malgrado la storia complicata tra i due paesi  e le questioni da regolare pensiarmo ugualemente  che si tratti di due popoli che sono stati fianco a fianco nella lotta per la liberazione nazionale e abbiamo nei confronti della Cina un comportamento moderno e pieno di rispetto.
Ma cosa è accaduto adesso ?  Il due maggio la Cina ha impiantato una piattaforma gigante per l’esplorazione e lo sfruttamento del petrolio nella zona  economica esclusiva nel centro del Vietnam, protetta da oltre 100 navi, comprese navi da guerra e aerei.
Questo è un atto estremamente grave, una violazione della sovranità Vietnamita e della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare del 1982. Usiamo i canali diplomatici e altri canali, con  navi cariche con le forze dell'ordine per richiedere alla Cina il rispetto della sovranità del Vietnam e ritirare la sua piattaforma petrolifera immediatamente. Tuttavia, la Cina non risponde mostrando, al contrario, un'aggressività sempre più forte.
Vedendo numerose navi cinesi che si scontrano con le navi vietnamite più piccole incaricate di far applicare la legge del Vietnam, e veder ferire i nostri connazionali sento il mio  cuore stretto in una morsa. Cosa accadrà dopo ?
L’opinione pubblica è preoccupata per le azioni della Cina che influiscono sulla libertà e sulla sicurezza della navigazione internazionale minacciando la pace e la sicurezza nella regione mentre  la Cina accusa il Vietnam. Chi può credere che il Vietnam, con una popolazione che rappresenta un quindicesimo della popolazione cinese, con il prodotto interno lordo 50-60 volte inferiore a quello del suo vicino e sforzandosi di uscire dalla lista dei paesi poveri possa  provocare la Cina?
I dirigenti politici hanno dichiarato che la politica della Cina è una politica di emergenza e che l’aggressività e la volontà egemonica non risiedono nel sangue dei cinesi. Allora come può la cina spiegare il fatto di aver proclamato la sua sovranità con la linea delle nove sezioni che copre l'intero Mare Orientale, in spregio al diritto internazionale, compresa la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare del 1982 e a la protesta in tutto il mondo?
Indipendenza, libertà e sovranità sono elementi sacri per ogni nazione. Il popolo vietnamita lotterà fino alla fine per proteggerli. I nostri popoli aspirano alla pace e amicizia, allo sviluppo e a una vita migliore per tutti i vietnamiti, tra cui donne e bambini.
Speriamo davvero in una pace giusta, vera e duratura per il Vietnam e per tutte le nazioni nella regione e nel mondo. Ci sforziamo diligentemente di mantenere rapporti di amicizia  con la Cina e altri paesi, ma in amicizia bisogna essere sinceri e disponibili nei confronti dell'altro. Penso che se foste nei nostri panni, la pensereste  come noi.
In queste condizioni, vogliamo il vostro sostegno così come  avete fatto in passato. Nel futuro immediato, richiediamo alla Cina di  ritirare la sua piattaforma petrolifera dalla piattaforma continentale del Vietnam e di rispettare la sovranità del Vietnam in conformità  al diritto internazionale.
Crediamo che se  troviamo solidarietà, possiamo agire e sarà fatta giustizia nel rispetto della legge .  

Vorrei estendere i miei sinceri saluti e vi ringrazio per tutto quello che avete fatto e farete per il Vietnam ".
Nguyen Thi Binh

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password