La mediazione del Re Mohammed VI porta all'apertura del valico Allenby con la Giordania.

"Ringrazio il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il Re Mohammed VI e il Regno del Marocco per il loro impegno e gli sforzi continui per promuovere la pace e la prosperità in Medio Oriente", ha affermato Michaeli

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 15/07/2022 in Dal Mondo da Belkassem Yassine
Condividi su:
Belkassem Yassine
Ponte Allenby

L'impegno costante del Marocco per la causa palestinese e per il benessere dei palestinesi ha avuto buoni risultati oggi. Grazie alla mediazione diretta del Regno del Marocco e al genio diplomatico marocchino, sotto l'illuminata guida del Re Mohammed VI Presidente del Comitato Al-Qods, l'importantissimo valico di frontiera di Allenby chiamato "Re Al-Hussein", che collega la Cisgiordania alla Giordania, sarà aperto da Israele tutti i giorni 24 ore su 24 per gli spostamenti dei palestinesi. 
Attraverso questa mediazione salutata sul livello internazionale, il Marocco è riuscito a conciliare posizioni antagoniste per contribuire agli sforzi di pace nella regione del Medio Oriente. 
Per la ministra israeliana dei trasporti Merv Michaeli, questa apertura che avrà benefici economici e commerciali per la popolazione palestinese, 
non sarebbe stata possibile senza l'intervento del Marocco, Paese che si distingue per gli ottimi rapporti sia con Israele che con la Palestina. "Ringrazio il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il Re Mohammed VI e il Regno del Marocco per il loro impegno e gli sforzi continui per promuovere la pace e la prosperità in Medio Oriente", ha affermato Michaeli. 

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password