Dalla Germania, membro d'Al Qaeda incoraggia il terrorismo internazionale contro l’Occidente

Il terrorista tedesco Hajib continua a far apologia del terrorismo ed incita a prendere armi contro le istituzioni ufficiali marocchine e gli interessi occidentali nel mondo arabo.

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 24/08/2021 in Dal Mondo da Belkassem Yassine
Condividi su:
Belkassem Yassine
Hajib Mohamed

Incredibile ma è vero! Proprio dalla Germania, il terrorista tedesco di origine marocchina, Mohamed Hajib continua a far apologia sui social del terrorismo islamista ed esorta i giovani a ribellarsi e prendere armi contro le istituzioni ufficiali marocchine e agli interessi occidentali in quel Paese e nel mondo arabo. 

Hajib, Nato in Marocco nel 1981, ha la nazionalità tedesca e attualmente risiede in Germania, nel 2009 si è recato in Pakistan con l'associazione Jamaat Tabligh e dopo il suo ritorno è stato arrestato in Germania. 

Al rientro in Marocco, è stato arrestato per reati legati ad attività terroristiche legate ad Al Qaeda, in particolare con le sue reti che operano in Afghanistan e Pakistan, ed è stato incarcerato per sette anni. 

Hajib è ampiamente conosciuto sui social media per essere molto attivo nella difesa e nell'incitamento al terrorismo e l'odio, spingendo i giovani a perpetrare attacchi contro le istituzioni marocchine, governanti e simbolo dello Stato, nonché gli interessi dell'Occidente sia in Marocco che nel mondo arabo.

"L'oligarchia è nostra nemica e deve essere considerata un nemico perché serve gli interessi dell'Occidente. Satana è un nemico per te, prendilo anche tu così. Decisamente!!  Se non c'è la forza, non c'è niente", incita il terrorista nel video i suoi seguaci alla ribellione e al disordine pubblico. 

"Hai paura di morire o cosa? Metti i piedi sul collo dei traditori! Sul collo dei capi dello Stato. Li sentirai gridare e abbaiare", ha scagliato contro i suoi seguaci.

 


https://www.laprovincia.es/mundo/2021/08/23/marroqui-alienta-terrorismo-redes-sociales-56474751.html?jwsource=cl

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password