Capo del Polisario non si presenta al tribunale spagnolo a causa di suo stato cognitivo precario. Accusato di vari reati e di identità falsa

Continuano le manifestazioni delle vittime e dei difensori di diritti umani in Spagna per chiedere l'immediato arresto del capo del Polisario prima di scappare come ha fatto nel passato.

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 05/05/2021 in Dal Mondo da Belkassem Yassine
Condividi su:
Belkassem Yassine
Manifestazione in Spagna dei difensori di diritti umani e delle vittime del capo del Polisario per chiedere suo immediato arresto prima di scappare all'estero

Brahim Ghali, il capo del Polisario ricoverato in Spagna, è stato identificato dalla polizia ieri su ordine del giudice istruttore di Madrid Santiago Pedraz Gomez. 

Tuttavia, non è stato possibile interrogarlo mercoledì 5 maggio come era inizialmente previsto e forse non lo sarà possibile nemmeno venerdì 7 maggio visto il suo precario stato cognitivo. 

La polizia ha riferito al giudice istruttore che Brahim Ghali non è in grado di comparire dinanzi alla giustizia per interrogatorio, essendo ancora sotto respirazione assistita" e "il suo stato cognitivo non sarà adeguato", così il capo del Polisario potrebbe essere nuovamente convocato per la prossima settimana. 

I poliziotti spagnoli che si sono recati ieri all'ospedale di Logroño in nord di Spagna hanno concluso, inoltre, che Brahim Ghali e Mohamed Benbatouche è la stessa persona, il che significa che è lo stesso paziente arrivato all'ospedale San Pedro di Logroño a bordo di un aereo medico algerino accompagnato da un medico algerino che ha fornito una lettera, redatta in francese, in cui è riportata l'identità algerina falsa. 

"La polizia lo ha identificato come un individuo che è stato ricoverato sotto l’identità di Mohamed Benbatouche", afferma il quotidiano La Razon e lo conferma l’Associazione Saharawi per i diritti umani (Asadedh) che rappresenta diverse vittime del Polisario in generale, e di Brahim Ghali. 

"Siamo soddisfatti di questo primo passo positivo", s'è  rallegrato l’Asadedh aggiungendo che "Brahim Ghali ha raccolto un’ennesima accusa sancita dalla legislazione spagnola: l’usurpazione d’identità". 

Ghali era fuggito in Algeria e oggetto di numerose denunce in Spagna per stupro, tortura, genocidio e sequestro. 

Nel 2008 le autorità spagnole hanno emesso un mandato di cattura nei suoi confronti. Nel 2013 era stato incolpato dalla giustizia spagnola. 

Continuano le manifestazioni delle vittime e dei difensori di diritti umani in Spagna per chiedere l'immediato arresto del capo del Polisario prima di scappare come ha fatto nel passato.  

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password