Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Marocco - Belgio: Jihadista pentito rivela le truffe di un altro terrorista Ali Aarrass (video)

Aarrass già militare belga ha messo la sua esperienza al servizio dei piani terroristici in Marocco. Era l'artificieri del gruppo arrestato in Marocco, forniva anche armi e formava i terroristi al loro uso.

Condividi su:

 

Abderrazak Soumah, ex leader di un movimento terroristico, fa nuove rivelazioni sul suo complice di armi Ali Aarrass. Egli rimette in discussione le accuse di presunti atti di tortura e descrive la strategia della menzogna utilizzata dai jihadisti come arma contro gli Stati.
Soumah era uno dei fondatori del movimento terroristico "Harakat Al Mujahidin bi Lmaghrib" ("Il movimento dei Mujahedin in Marocco"). Ha appena fatto un'altra apparizione mediatica per rivelare le accuse di torture subite da Ali Aarrass durante la sua detenzione in Marocco negli anni 2000.
"I salafiti affermano che è lecito ricorrere alla menzogna contro lo Stato, che potrebbe creare molti problemi", afferma Soumah facendo riferimento a quella che negli ambienti terroristici viene chiamata "Taqiya", ovvero l’uso della menzogna e della dissimulazione per ingannare il nemico. In questo metodo, Ali Aarrass è molto bravo, come quelli che lo hanno sempre difeso.
Arrestato a Melilla nel 2008, in seguito di una denuncia del Marocco nel 2003 trasmessa all’Interpol, Ali Aarrass era stato consegnato dalle autorità spagnole al Marocco nel dicembre 2010. Nel 2011 è stato condannato a 15 anni di reclusione. Una pena ridotta a 12 anni dalla Corte di Cassazione.
"Ali Aarrass si è unito a Harakat Al Mujahidine bi Lmaghrib nel 1981. L’ho incontrato più volte in Francia, Belgio e Marocco”. 
Secondo la testimonianza di Soumah, diffuso sui social network, "Aarrass era il responsabile della logistica del movimento (Al Mujahidin bi Lmaghrib) e aveva aperto una libreria in Belgio per facilitare i trasferimenti di fondi". 
Euro, armi e esperienza da soldato belga:  
Aarrass era più di un responsabile della logistica di questo movimento smantellato dalle autorità marocchine all’inizio degli anni 2000. Ex soldato dell'Esercito belga, ha messo la sua esperienza militare al servizio dei sporchi piani del movimento. Era l’artificieri del gruppo, quello che forniva le armi da fuoco e formava loro uso. 
A tal fine ha dapprima assicurato il trasporto di armi in Marocco. "Aarrass è l'uomo che ha introdotto le prime armi scoperte dalle autorità nel 2003 a Berkane. Tra queste armi c'erano due kalashnikov, due pistole e munizioni. È stato lui a introdurre due pistole automatiche sequestrate a Tangeri. E' stato lui a fornire le armi che sono state dietro il nostro arresto a Tiflet", ha dichiarato Abderrazak Soumah.
E aggiunge che Aarrass ha ritrasmesso il finanziamento del movimento dopo la morte di un jihadista denominato Nouâmani. "Il nostro movimento armato mirava a seminare caos con uno scontro con il regime attraverso sanguinari operazioni con esplosivi, assassini e furti. Grazie a Dio, non abbiamo avuto successo", aggiunge il jihadista pentito.
"Sono rimasto sorpreso, insieme a una ventina di detenuti salafiti, dal trattamento rispettabile che ci è stato riservato (dai servizi di sicurezza), contrariamente a quanto si diceva Aarrass. "Dobbiamo smettere di mentire perché tutto è stato documentato dalle autorità competenti", afferma Soumah. 
La sua prima esperienza: "Quando sono stato arrestato nel 2012, mi aspettavo di essere torturato nel peggiore dei modi. E’ quello che mi aspettavo con i miei compagni, soprattutto perché ero l’ultimo sopravvissuto tra i fondatori del movimento ad essere arrestato. Tuttavia, sono rimasto sorpreso dal comportamento umano delle autorità nei miei confronti e nei confronti degli altri 20 membri che facevano parte del mio gruppo. Eppure avevamo armi per perpetrare massacri e non per fare un cuscus!". Rivela Soumah. 
Il jihadismo fino alla fine
Soumah riprende anche il video registrato nel 2012 da Aarrass al penitenziario di Salé 2, in cui mostra tracce di abusi corporali. E chiedersi: "Come mai Aarrass, arrestato nel 2010, tiene gli ematomi per due anni?" E aggiunge: "Noi, salafiti jihadisti, siamo famosi di ricorrere alla menzogna contro i nostri nemici, contro lo Stato. Si formavano parti del corpo attraverso il rhassoul (fango di massaggio) o l'henné e ci si filmava, suggerendo segni di tortura", rivela ancora Soumah.
Soumah, che rivela in questa testimonianza di primo piano le modalità operative utilizzate dai jihadisti, anche dopo il loro arresto, per proseguire la loro lotta contro il nemico (lo Stato): "Abbiamo giocato e perso". 
Dopo aver scontato la pena, libero dall'inizio di aprile 2020, Aarrass è ritornato in Belgio tre mesi dopo e ha iniziato la sua campagna di diffamazione contro il Marocco e le sue istituzioni. Un modo per perseguire fino in fondo la parte, iniziata prima del suo arresto, contro lo Stato marocchino.

 

 

 

Condividi su:

Seguici su Facebook