La crisi alimentare in Venezuela ed altre considerazioni sociopolitiche

Attualmente il Venezuela sta passando una gravissima crisi alimentare, forse la più grave nella sua storia.

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 18/01/2018 in Dal Mondo da Dario Calligaro (articolo di Vidocq)
Condividi su:
Dario Calligaro (articolo di Vidocq)
Fonte: newsbtc.com

Attualmente il Venezuela sta passando una gravissima crisi alimentare, forse la più grave nella sua storia. Notizia sconfortante è che questa crisi continui ad aggravarsi inesorabilmente ogni mese che passa. Gli interventi del Presidente Maduro non sembrano sufficienti, ma anzi dannosi. Con inflazione mensile all'80%, ha aumentato i salari del 40% e ha dato ordine di abbassare i prezzi nei supermercati.

I supermercati venezuelani sono presi d'assalto dai cittadini affamati, formando file impressionanti, talmente lunghe da costringere un'intervento delle forze dell'ordine. Il problema è che a quanto pare i supermercati non siano nemmeno adeguatamente provvisti per soddisfare le esigenze dei cittadini, ridotti a mendicare un pasto al giorno. Pochi giorni fa, una diciottenne incinta, in fila a protestare per un prosciutto, è persino rimasta fatale vittima di un colpo di pistola sparato da un poliziotto ubriaco.

La beffa è che il Venezuela è un Paese molto ricco di petrolio, tra i primi posti mondiali. Ma alcuni ritengono che questo genere di ricchezza possa essere addirittura un elemento chiave della crisi odierna. I "facili" guadagni che tale ricchezza permette possono aver distrutto il tessuto sociale ed economico del Paese, non essendo più composto da piccole e medie imprese, ma da enormi aziende in stretta collaborazione (quando non in rapporti clientelari) con il centralizzatissimo governo.

Problema che si sta verificando anche in Italia con la continua vessazione nei confronti delle delle PMI, degli artigiani, dei lavoratori autonomi e tutte le categorie trascurate, che per decenni hanno rappresentato la spina dorsale della nostra economia. Mentre altre categorie privilegiate continuano a godere dei loro benefits, degli aumenti, dell'attenzione da parte di politici, enti pubblici, istituzioni e sindacati. Ma chi paga?

Correndo l'ondata delle criptovalute, argomento attualmente in voga nei media mainstream che lo hanno ignorato per anni, il Venezuela propone una propria moneta digitale, il "Petro". Gli esperti del settore dicono che sarà un flop, se non peggio. Una speranza o un'illusione per questo paese sudamericano? Staremo a vedere.

Nonostante tutta la positività di questo mondo, senza attivare meccanismi lungimiranti in una direzione di fattivo cambiamento culturale e sociale, il futuro sembra sempre più duro. Sinceramente credo sia ora di terminare questa tradizione di lasciare alle generazioni future tutto il costo e il peso delle decisioni presenti. Un fronte comune di logica e concretezza è quanto mai opportuno e urgente.

Come si metterà? A mio avviso, vedremo un distacco sempre maggiore tra le diverse classi sociali, già tutt'ora molto divise, che diventeranno dei veri e propri compartimenti stagni. Questo porterà a delle nuove lotte sociali, di stampo moderno, in cui la tecnologia, l'informatica e internet giocheranno un ruolo molto pesante, secondo me decisivo. Forse i cosiddetti "Nativi Digitali" avranno più carte da giocare, e soprattutto imprevedibili, in contrapposizione al consolidato e radicato potere delle cariatidi che dominano il presente.

La battaglia sarà molto difficile, meno difficile sarà capire da che parte stare.

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password