Usa: giudice respinge richiesta di sbloccare iPhone di uno spacciatore

Un giudice federale respinge la richiesta Fbi di ordinare alla Apple di sbloccare l'iPhone di uno spacciatore

pubblicato il 02/03/2016 in Dal Mondo da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Il caso è  tuttora in corso:  il giudice James Orenstein si è rifiutato di sbloccare l’iPhone dello  spacciatore Jun Feng, nonostante questo si sia dichiarato colpevole.

Una sentenza che si inserisce in un clima già teso tra il colosso di Cupertino , dopo che quest’ultima non ha voluto sbloccare il cellulare  del killer di San Bernardino e la polizia federale americana.

La decisione di Orenstein è arrivata poche ore prima che il direttore dell'Fbi James Comey e il vice presidente della Apple Bruce Sewell testimoniassero al Congresso.
Nel caso di Feng, il dipartimento ha chiesto che la Apple aiutasse le indagini facendo ricorso a una legge di 227 anni fa ''All Writs Act'  , che  consente ai tribunali di chiedere  assistenza, (al giorno d’oggi assitenza tecnica)  a terzi.

Il giudice tuttavia ha dichiarato che l'Awa non può essere utilizzata per ordinare a una società di tecnologia di manipolare i suoi prodotti. Dal canto suo  il governo ha già fatto sapere che presenterà ricorso per la sentenza di Orenstein.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password