Turchia, incidente tra auto e bus di clandestini: sei morti

Oltre trenta feriti, pronti per imbarcarsi verso la Grecia

pubblicato il 08/01/2016 in Dal Mondo da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino
Courtesy Emergenza24

Bilancio pesante per lo scontro avvenuto questa mattina su una strada di Canakkale, sullo Stretto dei Dardanelli.


Un impatto terribile, quello avvenuto intorno alle quattro di questa mattina sulla strada Bayramic-Eze nella provincia turca di Canakkale tra una macchina e un autobus, quest'ultimo carico di clandestini e diretto probabilmente al capoluogo per il trasbordo nautico verso la vicina costa greca.

Ancora al vaglio delle autorità la dinamica dell'incidente, dato che il conducente dell'auto è morto e quello del bus si è dato alla fuga subito dopo di esso, ma dalle prime informazioni emerge che l'auto, con a bordo due fratelli – entrambi deceduti – e la moglie di uno di essi, rimasta ferita, arrivata all'altezza del ponte in località Harharik si è trovata davanti il bus, che con ogni probabilità stava viaggiando a fari spenti, dato il suo illegale carico umano composto da non meno di quaranta persone.

Il mezzo pesante è finito nel sottostante letto di torrente, dove hanno trovato la morte quattro clandestini. Due donne, un ragazzo e una ragazza: questi ultimi sono stati trovati solo quando i pompieri sono riusciti a spostare il bus con una gru, essendo rimasti intrappolati.

Al sorgere del sole le operazioni di soccorso e ricerca sono migliorate, con decine di uomini della Gendarmeria turca e dei Pompieri che hanno attivato un'operazione congiunta  per far fronte alla tragedia, perlustrando la zona del sinistro, in gran parte paludosa.

A bordo dell'autobus clandestino sono stati rivenuti giubbotti di salvataggio e stivali: il necessario per affrontare la traversata nel vicinissimo Stretto dei Dardanelli e sbarcare in Grecia.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password