Gerry Scarpone racconta il suo successo online

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 28/06/2021 in Curiosità
Condividi su:

Nell’imprenditoria digitale negli ultimi anni abbiamo visto nascere diversi siti di e-commerce che in una manciata di pochi mesi hanno scalato le vette per arrivare al successo.L’imprenditore Gerry Scarpone, dallo scorso anno, lavora intensamente affiancato da un team di esperti al suo portale di shopping on line:  www.scarponegroup.it
 
Oggi, ci racconta come tutto è nato e della sua passione per l’arredamento.

Quando è nato il progetto di aprire il portale Scarpone Group?

“Durante il primo lockdown, ho iniziato a maturare qualche idea per dare vita a un nuovo progetto. Soprattutto, ho avuto, come tanti, il tempo di poter pensare a una nuova fase della mia vita lavorativa. Fino d allora sono stato il classico imprenditore, ma aperto alle idee e al commercio digitale.  Poi, durante la prima fase della pandemia, rimanendo chiuso in casa mi sono accorto di quante volte consultavo i siti per fare acquisti. Ecco, da qui ho iniziato a mettere in cantiere il portale Scarpone Group”.

Ci spieghi meglio com’è composto…

“È un grande centro commerciale di lusso, dove si può acquistare di tutto. 
Accedendo al portale ci sono i tab, che indirizzano al catalogo di oggetti prescelti. Ad esempio, dall’abbigliamento, all’arredamento, alla cura e al benessere, ai servizi di hotellerie-restaurant-cafè, fino alla vendita di sex toys”.

Qual è uno dei suoi sogni futuri?

“In un momento così fragile per la nostra società ed economia, sono fiero di aver contribuito a creare e dare lavoro.
Il mio team, attualmente, è composto da 5 ingegneri informatici, 2 persone che lavorano sulle chiamate per gli ordini in bound e 4 esperti di marketing che studiano i possibili scenari delle vendite. Naturalmente, in futuro il mio desiderio è quello di far crescere questo progetto. Posso anticipare che sono in fase di discussione nuovi scenari, presto né parlerò.
C’è tanta strada da percorrere, ma spero un giorno di poter vendere a un grosso gruppo questo incredibile progetto di e-commerce”.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password