STÒNCHITI il 19 ottobre al Teatro “Nino Martoglio” di Belpasso

Il nuovo allestimento per la regia e l’adattamento di Turi Giordano, inaugura la stagione teatrale diretta da Guia Jelo sotto l’egida di Videobank

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 12/10/2019 in Curiosità da Sante Cossentino
Condividi su:
Sante Cossentino

STÒNCHITI il 19 ottobre al Teatro “Nino Martoglio” di Belpasso
Il nuovo allestimento per la regia e l’adattamento di Turi Giordano, inaugura la
stagione teatrale diretta da Guia Jelo sotto l’egida di Videobank
Il Teatro Nino Martoglio di Belpasso, sotto l’egida di Videobank, inaugura la stagione 2019-
2020, che vede protagonista un cartellone ricco, a 16 titoli, tra prosa e musica. E lo fa con la
tradizione, il prossimo 19 ottobre, e la nuova produzione di “Stònchiti”, omaggio a Nino Martoglio,
per la regia e l’adattamento di Turi Giordano, su idea di Guia Jelo.
“La cosa che, nell’approcciarsi a questa festa inaugurale, è stata più cara a questa gestione –
dichiara il direttore artistico Guia Jelo – risiede nella passione e nel dovere che nutriamo verso
l’anima di Martoglio, immortale e mai sopita tra le poltrone e il sipario del teatro a lui dedicato. Con
grande forza spirituale, in forte sinergia artistica con il regista, abbiamo reso omaggio a
quest’amatissimo autore nell’appropinquarsi alle celebrazioni per l’anniversario della sua nascita”.
Stònchiti è una “Martogliata”, tutta nostra, tutta siciliana, di immediato e sicuro impatto sul
pubblico. Il titolo è tratto da uno dei tanti pseudonimi usati dal celebre commediografo belpassese
per firmare i suoi “dialoghi popolari” editi sul suo giornale, “Il D’Artagnan”, le cui righe tanto
intrattenevano e tanto divertivano gli affezionati lettori. E, proprio dalle colonne di questo glorioso
ebdomadario, Turi Giordano estrapola con sapiente maestria e ingegno scene, situazioni e
personaggi di quadri satirico-farseschi assai celebri e care al pubblico come “I civitoti in Pretura” e
altre meno conosciute come “'U catechisimu di Don Procopiu”, che saranno per l’occasione
proposte in una nuova chiave estetica ma sempre attuale sotto il profilo comico e filologico.
Stònchiti è anche un banco di prova per un’artista poliedrica come Guia Jelo, che riesce ad
affrontare con divertimento e passione i vari storici personaggi, ora maschili ora femminili, che si
susseguono durante tutto l’atto e già oggetto di memorabili interpretazioni, salvo poi
occasionalmente uscire dal personaggio e - insieme agli altri interpreti - abbattere la quarta parete
per essere sé stessa. Ma è anche la prova d’attore di Fabio Costanzo, che farà da contraltare alle
azioni sceniche, condotte dalla Jelo, impersonando caratteri che ne confermano la sua amata abilità
istrionesca. Senza dimenticare le musiche - dalla danza popolare al valzer, a quelle dei grandi autori
- eseguite dal vivo da tre musicisti, Flaminia Chiechio, Anselmo Petrosino e Davide Sciacca, a
conferire alla pièce un’ulteriore valenza nonché un gradevole e godibile sottofondo musicale.
Come tiene a specificare il regista nelle note di sala, “Stònchiti è un po’ commedia dell'arte,
un po’ teatro popolare, un po’ cabaret, un po’ farsa, un po’ dramma, un po’ varietà. Insomma è un

po’ di tutto, in cui i vari generi teatrali, contaminandosi l’un con l'altro, trovano spazio di libertà
espressiva. Una scommessa, una sfida, per la rinascita di una grande stagione teatrale. Stònchiti è
tutto questo e se vi pare poco vogliateci perdonare”.
Per la stagione, Videobank ha pensato a diverse soluzioni e offerte per la fidelizzazione di
un pubblico che si attende già particolarmente numeroso. Sono stati pensati nuovi strumenti di
fruizione che accontentano anche gli spettatori più esigenti, con possibilità di abbonamento a 16
spettacoli o unicamente ai singoli ambiti della nutrita programmazione. Riduzioni under27 e
over65.
INFO E ABBONAMENTI
da lun a ven 09.00 – 18.00
095 9897253 / 335 8431804
www.teatroninomartoglio.it

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password