In Italia case troppo vecchie.

Meglio ricorrere ad una ditta di ristrutturazione di Roma Nord

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 29/04/2019 in Curiosità da Fabio Presti
Condividi su:
Fabio Presti

L’Italia è un paese per vecchi, inteso sia in senso di popolazione che di case. Secondo gli ultimi dati di settore, infatti, nella Penisola le abitazioni sono spesso antiche, vetuste e del tutto inadeguate da un punto di vista della classe energetica. Roma non fa ovviamente eccezione: anche la Capitale soffre di questo problema, sebbene non si tratti della città più antica in senso assoluto (almeno non da questo punto di vista).

È un’analisi che merita un doveroso approfondimento, per comprendere la necessità di una ristrutturazione, per una questione di sicurezza e anche di risparmio. Per fortuna oggi è possibile rivolgersi al web, per trovare una ditta di ristrutturazione a Roma Nord come Sa.Fra. Costruzioni e Servizi: un’opportunità per risparmiare tempo e per avere la certezza di rivolgersi ad una squadra di professionisti del settore.

Istat: in Italia case vecchie di un secolo

In base ai dati evidenziati dall’ultimo censimento sul Patrimonio Abitativo dell’Istat, nella Penisola la costruzione del 14% delle abitazioni risale al 1919. È una notizia che potrebbe lasciare di stucco in molti, e gli altri dati non sono da meno: nel 10% dei casi si parla di strutture risalenti agli anni ’30, mentre nel 36% dei casi si tratta di abitazioni erette dagli anni ’40 agli anni ’70 (ovvero il periodo del famoso boom edilizio tricolore). Solamente il 26% delle costruzioni è stato eretto dagli anni ’80 ad oggi: volendo fare due conti, si evince che il 40% delle case italiane è stato costruito come minimo 40 anni fa. Il totale è di quelli da far girare la testa, perché di fatto ci si trova di fronte a circa 11,5 milioni di unità abitative vecchie.

Questo discorso ne introduce un altro, stavolta relativo agli sprechi energetici e ai portafogli delle famiglie italiane. Sempre secondo le misurazioni ufficiali, il 97% delle case tricolori non supera l’etichetta energetica G, e il 40% dell’inquinamento dello Stivale è frutto di questo problema. Di conseguenza, oggi l’unica soluzione è procedere ad una ristrutturazione e riqualificazione energetica. Come detto, un’operazione possibile anche grazie a Internet e ai vari player del mercato edilizio che è possibile reperire in rete.

Ristrutturare a Roma Nord con Sa.Fra.

Chi cerca una ditta di ristrutturazione a Roma Nord, può visitare il sito web di Sa.Fra. Costruzioni e Servizi per avere una panoramica completa sulle opzioni di riqualificazione e di ammodernamento del proprio immobile. Questa azienda, difatti, garantisce qualsiasi tipologia di intervento edile, partendo dalla manutenzione fino ad arrivare all’installazione di impianti di ultima generazione. Nel lotto dei servizi rientra pure il montaggio dei pannelli fotovoltaici: una preziosa opportunità per ridurre i consumi in casa e per innalzare il livello della classe energetica di un edificio.

Anche le impermeabilizzazioni rientrano nella lista degli interventi idonei per incrementare l’efficienza energetica di una casa, e Sa.Fra. Costruzioni e Servizi si occupa pure di questo aspetto. Considerando che il 40% delle abitazioni richiede interventi di questo genere, sarebbe il caso di iniziare a riflettere su questa possibilità.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password