Ristoratori bloccano autostrada A1, feriti due manifestanti

pubblicato il 19/04/2021 in Cronaca da Emanuele Gulino
Condividi su:
Emanuele Gulino

Questa mattina viene bloccatta dai ristoratori in protesta, l'autostrada A1 vicino firenze, il presidente della Tni (Tutela nazionale imprese) Pasquale Naccari ha dichiarato: "Ci sono imprenditori, gente stanca di subire, che vorrebbe riaprire e tornare a lavorare, rispettando i protocolli di autogrill e mense. Vorrebbero lavorare, e non all'esterno con il freddo". Presente anche Ermes Ferrari, il ristoratore modenese che a Roma il 6 aprile era vestito da sciamano come Jake Angeli a Capitol Hill, che ha espresso la sua: "Mentre la gente piangeva davanti al Parlamento e chiedeva un aiuto, tutti si sono concentrati" solo "su un cappello e due corna". I ristoratori sono ripartiti lentamente montando sulle loro auto, suonando i clacson, dopo ben 5 ore di presidio, Naccari ha ancora dichiarato: "Noi non molleremo mai, per la tutela delle imprese. Dopo 5 lunghe ore di blocco autostradale sul tratto A1, sia in direzione Nord che in direzione Sud, abbiamo creato notevoli disagi del traffico. Riteniamo che il messaggio forte sia arrivato e adesso andiamo via con l'indicazione al governo di accogliere i nostri punti, altrimenti saremo costretti a ripetere gesti eclatanti". Un'auto in corsa sull'autostrada ha investito due manifestanti, ferendo alla spalla il primo, mentre il secondo ha riportato alcune contusioni. Il manifestante ferito alla spalla, Antonio Alfieri, ristoratore di Sassuolo, ha rassicurato su fb: "Sto bene, tutto a posto, è solo la spalla. Gli sconsiderati ci sono sempre, però quello mi ha preso in pieno, mi ha fatto volare. Mi fa male, però a prescindere da tutto noi abbiamo fatto la cosa giusta". Una pattuglia della polizia stradale di Firenze Nord è riuscita a rintracciare l'automobilista che avrebbe urtato il manifestante identificandolo. Ristoratori e Partite Iva hanno manifestato anche a Torino e Perugia, e anche lì, hanno blocatto autostrade e caselli. N.d.r. Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire... (Foto e fonte Ansa)

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password