ABRUZZO: PROSTITUZIONE MINORILE, SESSO CON UN 16ENNE IN CAMBIO DI SOLDI: ARRESTATO DIRIGENTE SCOLASTICO

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 10/10/2020 in Cronaca da Manuel notizie
Condividi su:
Manuel notizie

Un 48enne di Lanciano, insegnante e dirigente scolastico di due istituti superiori, attualmente sospeso, è stato arrestato con l’accusa di prostituzione minorile dagli uomini della seconda Sezione della Squadra Mobile della Questura di Chieti. Il provvedimento è del gip del Tribunale dell’Aquila Baldovino de Sensi su richiesta del pm Guido Cocco che ha coordinato l’inchiesta. L’insegnante, che è stato posto ai domiciliari, secondo l’accusa ha più volte commesso atti sessuali su un ragazzo di 16 anni in cambio di denaro, somme che venivano corrisposte o in contante o attraverso le ricariche di una postepay nella disponibilità del minore, somme che oscillavano fra 30 e 50 euro.

 

I due si erano conosciuti attraverso un sito di incontri. I fatti sono avvenuti tra febbraio e i primi di marzo scorsi, per gran parte in un’abitazione che il docente ha in affitto in una località della costa teatina. A giugno scorso il 48enne era finito ai domiciliari, ai quali si trova tutt’ora, nell’ambito di un’inchiesta del sostituto procuratore della Repubblica di Chieti Marika Ponziani, perché accusato di aver compiuto ripetutamente atti sessuali su un alunno, minorenne dei 18 anni, che frequentava la scuola all’epoca era da lui diretta. I fatti si sarebbero verificati sia all’interno della scuola che nell’abitazione del docente, sempre in orario scolastico. Alla prostituzione minorile si è giunti attraverso l’analisi del materiale informatico, fra cui computer e smartphone, sequestrati durante la perquisizione domiciliare eseguita nella prima inchiesta.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password