Brindisi, provocò un incidente mortale sulla superstrada: carabiniere patteggia la condanna a 4 anni e 2 mesi

L'incidente accadde il 12 ottobre del 2019, il militare stava procedendo contromano sulla superstrada che collega Lecce a Brindisi. A perdere la vita durante l'impatto fu Desiderio Serio, 59enne di Tuturano.

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 05/10/2020 in Cronaca da Federico Sanapo
Condividi su:
Federico Sanapo

Il giovane carabiniere forestale di 35 anni che nella notte del 12 ottobre 2019 provocò un incidente mortale sulla supersrada che collega Lecce a Brindisi ha patteggiato una pena di 4 anni e 2 mesi, ora diventata definitiva. Ne dà notizia la testata giornalistica locale Senza Colonne. Il giovane militare imboccò contromano l'arteria stradale per diversi chilometri, fino a quando, all'altezza di Surbo (Lece), si scontrò frontalmente con una Renault Clio condotta da Desiderio Serio, 59 anni e residente a Tuturano, una frazione di Brindisi. Anche il carabiniere che ha provocato il sinistro è originario del capoluogo di provincia adriatico, ma prestava il suo servizio a Matera. Adesso il militare si trova ancora agli arresti domiciliari ed è stato sospeso momentaneamente dal servizio. Dopo il ricorso in Cassazione dell'avvocato Daniela D'Amuri il patteggiamento è diventato definitivo. 

Un incidente avvenuto dopo una serata trascorsa in allegria

La vittima del sinistro, Serio appunto, viaggiava insieme ad un amico originario di San Pietro Vernotico, rimasto seriamente ferito. Tutti e due stavano rientrando da una serata trascorsa in compagnia di alcuni amici in un paese del Salento. Anche Calianno stava rientrando da una serata. I sanitari del 118 provvidero a trasportare anche lui presso il più vicino ospedale, dove venne sottoposto anche agli esami tossicologici, accertamenti necessari dopo un sinistro stradale. A quanto emerse il 35enne aveva un tasso alcolemico superiore al consentito. Il 59enne, unica vittima del sinistro, era un dipendente del Comune di Brindisi, in servizio presso l'assessorato alle Attività Produttive. La tragedia provocò sgomento a Tuturano, dove Desiderio Serio era molto conosciuto dalla popolazione. Per motivi di privacy preferiamo non rendere note le generalità del militare che ha patteggiato la pena, questo anche per proteggere l'identità dei suoi famigliari

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password