Roma, disordini per assegnazione casa a famiglia Rom: 65 indagati tra Forza Nuova e CasaPound

I reati contestati sono corteo non autorizzato, istigazione all'odio razziale, violenza privata, minacce, adunata sediziosa, apologia di fascismo

pubblicato il 16/05/2019 in Cronaca da La Redazione
Condividi su:
La Redazione

Sono in totale 65 i membri appartenenti all'estrema destra (Forza Nuova e CasaPound) iscritti nel registro degli indagati dalla Procura della Repubblica di Roma a seguito dei disordini scoppiati nella perifieria romana di Casal Bruciato scoppiati in data 8 maggio in occasione dell'assegnazione di una casa popolare ad una famiglia Rom.

Ben 41 - sempre memebri di Forza Nuova e CasaPound - sono indagati per i disordini avvenuti in data 2 aprile in occasione del trasferimento in una struttura di accoglienza di alcune famiglie Rom a Torre Maura, sempre nella periferia di Roma.

I reati contestati sono corteo non autorizzato, istigazione all'odio razziale, violenza privata, minacce, adunata sediziosa, apologia di fascismo.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password