Teatro della Comunità: "L'Unione fa la forza"...dunque unitevi a noi!

Incontrare Marco Di Stefano? E' possibile a Pisa il 9 settembre, teatro Lux

pubblicato il 31/08/2015 in Costume e società da Concita Occhipinti
Condividi su:
Concita Occhipinti

Gentili lettori, ecco a voi Marco Di Stefano, attraverso il quarto appuntamento che come al solito tratterà un altro suo aneddoto.

Ricordiamo però che i progetti artistici del nostro ospite non terminano qui!

Primo appuntamento il 9 settembre prossimo, dove Marco seguirà la moglie Tanya Khabarova in scena con Somnambules, a Pisa, insieme a Yael Karavan.

Seguiteci per rimanere "al passo con la notizia"!

"Il teatro non serve piu a niente.?...Ecco una dimostrazione dell' esatto contrario. Ero in Argentina nel mio girovagare in mezzo mondo con il TEATRO DELLA COMUNITA' che presentavo per la prima volta in quel meraviglioso paese..arrivai quindi a Casilda nello regione di Santa fe non lontano dalla città di Rosario...la strada tra Rosario e Casilda se non ricordo male . Aveva un unica curva e poi era un rettilineo nella pampa sconfinata lì silenziosamente ..girando con una bici nella cittadina ..fui subito ribattezzato come il Tano Italiano..e riuscii con l 'aiuto dei cittadini uno su tutti Daniele Ingaglio..a unire un folto gruppo ..eravamo piu di 60 ..e realizzammo in sole 2 settimane uno spettacolo magnifico dentro un gigantesco Cine teatro Libertadores..che poteva contenere 2000 spettatori..il tema scelto.tutti insieme.come sempre accade nel TEATRO DELLA COMUNITA (vedi www.teatrodellacomunita.com) fu il salvataggio dello stesso teatro, infatti in quei mesi a Casilda si discuteva proprio di questo "chiudere il teatro" e trasformarlo in un supermercato, centro commerciale, questo avrebbe portato LAVORO sosteneva l' autorità della città. Così quando i 2000 spettatori entrarono, curiosi per questa nuova esperienza teatrale e per gli echi dei temi in discussione effettivamente rimasero molto sorpresi. Il sipario era tutto nero con un cartello TEATRO CERRADO la sala era piena di sacchi neri pieni di cartacce..ragnatele ..rifiuti..il pubblico a malapena riuscì a prendere posto..poi entrarono come dei normali cittadini i miei actores por una vez ..e la storia..molto suggestiva..cominciò! Al finale il teatro non solo veniva ripulito e rinaugurato ..con un meraviglioso tango..ma veniva anche riscoperto come cinema ..il fondale improvvisamente calava e il mitico rumore del proiettorec35 mm era preludio a pochi minuti. Uno spezzone del film SPLENDOR di Ettore Scola, non son mai riuscito a dirglielo, il pubblico entusiasta non voleva smettere di applaudire il vero sindaco era felice ma imbarazzato..infatti in scena era stato rappresentato un sindaco con tanto di banda musicale al seguito che appunto voleva chiudere il teatro..ma poi spinto dall' amore di sua figlia per il giovane capo degli studenti e amanti della cultura era lui stesso il sindaco a fare da presentatore allo spettacolo nello spettacolo, ritmo fantasia colpi di scena..accadde di tutto quella magica notte. Forse un giorno la racconterò meglio..di certo. Il giorno dopo a CASILDA non si parlava che di questo spettacolo..e i cittadini mi portarono quasi in trionfo a riaprire un altro teatro chiuso da tempo ..il TEATRO DANTE costruito da operai italiani..e con la mia piccola tromba suonai la strada di Nino Rota sul palcoscenico scricchiolante ...ma vivo...si eravamo tutti molto vivi, una piccola e pacifica rivoluzione era in atto..Pochi giorni dopo il sindaco vero si dimise..il progetto di supermercato abbandonato..e adesso Casilda ha 2 teatri funzionanti..e una vita culturale molto ricca..Si, l 'unione fa la forza..Teatro della Comunita..appunto!"

Coming Soon!!!

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password