Il sorriso delle star nasconde un segreto

Il Prof. Stefano Scavia di Clinica Odontoaesthetics utilizza tecniche raffinate come il biomimetismo

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 30/04/2021 in Costume e società
Condividi su:
Il prof. Scavia con Michelle Sampaio

Abiti da grand soirée, gioielli sfavillanti, make up a prova di flash. Si è appena conclusa la 93esima edizione del Premio Oscar 2021 a Los Angeles ed arrivano puntualissime le prime pagelle dei look più eleganti od originali della kermesse. Non solo outfit e acconciature contribuiscono al giudizio dei tabloid. Dopo un intero anno con mascherine sul volto, occhi e camere puntati anche sui sorrisi smaglianti delle star, che diventano parte integrante del look, completandone l’insieme.

 

Il red carpet si fa, pertanto, anche con una bella e luminosa dentatura; e chi può la mette bene in mostra in posa davanti al back drop. Lo sanno bene le star di Hollywood in gran spolvero per la serata del premio che, tra i loro must have, hanno inserito da tempo l’armonia del sorriso ed il colore dello smalto dei denti. Tante le tecniche, sempre più moderne, per arrivare ad avere un sorriso perfetto, luminoso e a prova di passerella. Dal laser, tecnologia entrata oramai da anni nelle procedure di cura odontoiatrica, alle faccette additive sempre più sottili. Nel total look da costruire per essere perfetti sulla scena, appare sempre più spesso anche la voce “sorriso” accanto a trucco ed acconciatura, segno che la bocca completa stile e personalità.

 

Di mode e tendenze parliamo con il Prof. Stefano Scavia - responsabile della Clinica Odontoaesthetics, esperto in implantologia, parodontologia e rigenerazione dei tessuti orali e fondatore della Minimal invasive Dental Academy – nel corso dell’incontro presso la sua sede milanese. 

 

Tra le sue pazienti ci sono diversi vip come la presentatrice e modella brasiliana Michele Sampaio.

 

 Quando possiamo definire un sorriso davvero bello? 

 

La vera bellezza si trasmette quando la naturalezza incontra la salute. Così come i grandi artisti del rinascimento ricercavano la bellezza nell’imitazione della natura (“quella pittura è più laudabile, la quale ha più conformità con la cosa imitata” – Leonardo da Vinci), così noi clinici dobbiamo realizzare dei trattamenti che si integrino armoniosamente con quanto già presente, ricercando il connubio ideale fra salute ed estetica. Da questo concetto prende forma l’ideale di biomimetismo, caposaldo della nostra scuola, la M.I.D.A.(Minimal Invasive DentalAcademy), che cerchiamo di sviluppare quotidianamente all’interno della nostra pratica clinica.

 

 Quali sono i principali interventi di bellezza per il sorriso?

 

Partendo dal presupposto che qualsiasi trattamento estetico non può prescindere da un ottimale stato di salute generale dei denti, i trattamenti più richiesti sono l’allineamento dentale attraverso mascherine invisibili, lo sbiancamento dentale, le faccette additive realizzate con metodiche minimamente invasive, la rigenerazione dei tessuti gengivali e la correzione della loro forma con il laser.

 

 Le star del cinema internazionale hanno dato il via ad una cura sempre più costante per un sorriso bello e sano da poter mostrare orgogliosamente. E’ cresciuta l’attenzione estetica in generale verso un bel sorriso?

 

Sicuramente, insieme agli occhi, all’interno di un volto il sorriso è il principale mezzo di espressione, ed è in grado attraverso i neuroni specchio di richiamare nel nostro interlocutore emozioni positive.

Inoltre sappiamo che esiste un rapporto imprescindibile tra bellezza del sorriso e autostima, accettazione di sé e successo nelle relazioni e interazioni sociali.

 

 In che modo possiamo migliorare il colore dei denti naturali?

Principalmente attraverso lo sbiancamento, purché venga effettuata un’accurata selezione dei prodotti da utilizzare e delle frequenze di utilizzo in base alle peculiari caratteristiche dei denti del paziente. Soprattutto quando si tratta di estetica non esistono protocolli standardizzati, tutto deve essere curato e personalizzato nei minimi dettagli.

 

 E’ sempre efficace lo sbiancamento dentale attraverso il laser? Vi sono controindicazioni?

 

L’aspetto più importante è la combinazione di procedure di ultima generazione con l’utilizzo di prodotti all’avanguardia e con una selezione del paziente idoneo a ricevere un trattamento sbiancante. Nel paziente con recessioni, parodontite, fratture dello smalto o carie, ad esempio lo sbiancamento è sconsigliato perché potrebbe dare luogo a sensibilità o danneggiare aree che non devono essere trattate. Esistono comunque altri trattamenti innovativi e conservativi per migliorare salute ed estetica anche nei casi più complessi.

 

 Quanto incidono le gengive nell’estetica della bocca? E in che modo si può intervenire per migliorarne l’aspetto?

 

Le gengive sono la cornice del nostro sorriso, è pertanto fondamentale prendersene cura in ogni aspetto. Gengive asimmetriche o sovradimensionate possono essere spesso modellate con l’ausilio del laser con procedure veloci e indolori. Innovative tecniche di chirurgia mucogengivale permettono invece la rigenerazione dei tessuti in presenza di recessioni gengivali.

 

 Per un sorriso da star sembra inevitabile l’uso di faccette additive. In cosa consiste il trattamento?

 

Le faccette di ultima generazione correggono alterazioni di forma, colore e posizione dei denti. Sono un rivestimento talmente sottile e traslucente che possono essere paragonate a delle lenti a contatto. L’innovazione permette un trattamento indolore e minimamente invasivo, conservando integralmente il dente, senza limature o riduzioni dello smalto. Attraverso la scansione digitale della bocca, il restauro può essere elaborato digitalmente al computer, inviato alla stampante 3D e applicato poi al dente in maniera definitiva, replicando le caratteristiche meccaniche ed estetiche dello smalto naturale.

 

 Le mode condizionano le scelte estetiche? Sono ancora considerati belli gli incisivi separati?

 

Nonostante il diastema sia considerato da molti una caratteristica molto sensuale, anche in virtù di bellissime donne che lo sfoggiano quale Georgia May Jegger nella pubblicità di un famoso rossetto, personalmente non ne sono un grande fan, ma è solamente un parere soggettivo.

 

 Come si esprime lo specialista quando il paziente chiede di avere un sorriso che si ispira a quello di un personaggio famoso?

 

Sempre più spesso riceviamo richieste di tipo estetico accostate almodello di sorrisi famosi. Come nella chirurgia plastica, sta alla professionalità dello specialista l’essere in grado di integrare perfettamente l’aspettativa del paziente con un trattamento che rispetti salute edarmonia del cavo orale, ricercando un perfetto equilibrio anche con le proporzioni del volto.

 

 Prof, Scavia, quali sono per Lei i sorrisi più belli del cinema internazionale?

 

Beh storicamente ve ne sono diversi, fra i più recenti potrei citare quelli di Amanda Seyfried, Jason Momoa o Can Yaman. Denti ritoccati o naturali? Da professionista posso dirvi che il biomimetismo è l’elemento chiave per costruire un sorriso impeccabile. Naturalezza, imitazione di ciò che la natura crea e giochi di trasparenze e traslucenze sono la filosofia di lavoro di scuole come la nostra. E’ essenziale trovare la perfetta integrazione estetica e funzionale nel rispetto dei delicati equilibri dell’intero organismo.

 

https://www.instagram.com/michelle_sampaio/

 

http://www.odontoaesthetics.it

 

  • Argomenti:

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password