"RAMADAN PILASTRO FONDAMENTALE DELL'ISLAM": Khutba di Venerdì della Moschea di Roma

I precetti e i doveri da osservare in Ramadan: la preghiera, l'astinenza, la preghiera di tarawih, ma anche avere un comportamento generoso..

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 17/04/2021 in Costume e società da Belkassem Yassine
Condividi su:
Belkassem Yassine
La grande Moschea di Roma

"AL HAMDU LI ALLAHI RABBI AL ‘ALAMIN WA SALAH WA SALAM ‘ALA RUSULI ALLAHI AJMA’IN. 

Nel nome di Allah Clemente e Misericordioso, iniziamo la nostra khutba con l'auspicio che Allah ci conceda la facoltà di apprendere e praticare i Suoi insegnamenti e gli insegnamenti del Profeta (su di lui la pace e la benedizione di Allah). 

Fratelli e Sorelle, 

Lode ad Allah che ha prescritto l'astinenza e rivelato il Nobile Corano al Suo Inviato Muhammad (su di lui la pace e la benedizione di Allah) nel solenne mese di Ramadan.

E' stato riferito che il Profeta (su di lui la pace e la benedizione di Allah) salì sul minbar e disse: "Amen, Amen, Amen". 

Infatti fu narrato che quando salì un gradino disse: "Amen", quando ne salì un altro disse: "Amen" e quando salì il terzo disse: "Amen". Allora gli fu chiesto il motivo di tutto ciò ed egli spiegò: "Quando sono salito sul primo scalino Gabriele (la pace si di lui) è venuto da me e mi ha detto: 

- Entrerà nell'Inferno colui per cui viene e trascorre Ramadan senza essere perdonato, dì amen – Ho detto amen. 

- Entrerà nell'Inferno colui il quale ha entrambi i genitori o uno dei due e non li onora, dì amen – Ho detto amen. 

- Entrerà nell'Inferno chi quando tu sei stato menzionato in sua presenza non ti ha benedetto e poi muore, dì amen – Ho detto amen. 

Così il Profeta (su di lui la pace e la benedizione di Allah) ha annunciato: "Giunge a voi il mese di Ramadan, mese benedetto, in cui Allah vi ha prescritto il digiuno, in cui si aprono le porte del Paradiso, in cui si chiudono le porte dell’Inferno, in cui si mettono in catene i diavoli, in cui si trova la notte migliore di mille mesi...". 

Dunque quando arriva questo mese benedetto si aprono le porte del Paradiso per coloro i quali si dedicano al compimento del bene e delle azioni meritorie non permettendo alle tentazioni diaboliche ed alle cattive azioni di prendere il dominio della loro anima come leggiamo nel Nobile Corano: "E a protezione da ogni demone ribelle" (Sura degli Angeli a Schiere XXXVII, v.7).

Il digiuno non ha eguali nella ricompensa designata da Allah l’Altissimo, come è scritto in questo "hadith qudsi": "Ogni atto del figlio di Adamo è per sè eccetto il digiuno, infatti è destinato a Me e Io ricompenso per questo", perchè è l’unico atto di culto compiuto deliberatamente per Allah Potente ed Eccelso. 

Ed ora citiamo quali sono i precetti e i doveri da osservare nel mese di Ramadan: la preghiera, l'astinenza, la preghiera di tarawih in comunità possibilmente o individualmente a casa, ma anche avere un comportamento generoso e munifico emulando il Messaggero (su di lui la pace e la benedizione di Allah) che secondo Ibn Abbas era il più generoso, particolarmente nel mese di Ramadan, quando incontrò Gabriele (la pace su di lui), lo incontrava ogni notte di Ramadan e Gabriele (la pace su di lui) gli insegnava il Corano. 

WA SALAMUN ‘ALA AL-MURSALIN WA L-HAMDU LILLAHI RABBI AL-‘ALAMIN." 

 

Venerdi 16 Aprile 2021 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password