A Miss Universo la prima reginetta "Dominanza Digitale"

Cozzetto: infinite potenzialità per valorizzare l’immagine, ma attenti ai rischi

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 02/01/2021 in Costume e società
Condividi su:

Grandi occhi neri dallo sguardo intenso e profondo, lunghi capelli color ebano ed un sorriso mozzafiato. Mayla Fiorucci, 18 anni, originaria di Marino – ridente cittadina immersa nel verde dei Castelli Romani – è la più bella miss digitale dell’anno.  A decretarlo, nel corso della finale nazionale del concorso di Miss Universe Italy 2020 - è stata una severa giuria tecnica presieduta dal patron del concorso Marco Ciriaci, con Emilio Sturla Furnò (capo-progetto e responsabile comunicazione), Marco Tomei (co-autore e responsabile moda), Orlando Bartuccio (responsabile della produzione), Golshan Barazesh Bakhtiari ed Anna Tedesco (giuria tecnica) e l’inviata della finale Elena Morali.
 
Tra loro, anche Mattia Cozzetto – nella giuria sponsor - Ceo di Dominanza Digitale, società leader in performance marketing, con sede a Roma e Milano. 
“Il digitale è diventato prioritario” – spiega Cozzetto – “Lo abbiamo riscontrato, inevitabilmente, nel corso di quest’anno assurdo e complesso. Quando si parla di digitale, non si può prescindere da importanti concetti, come la bellezza e la sicurezza. La fascia Dominanza Digitale inserita tra le fasce sponsor del concorso di Miss Universe Italy non è un semplice riconoscimento, ma rappresenta un concetto importante: la bellezza va divulgata e promossa in modo efficace e sicuro”. 
Dominanza Digitale è un vero e proprio acceleratore per aziende ed individui che desiderano operare una crescita d’immagine, di visibilità e di fatturato. Tra le trentasei finaliste di Miss Universe Italy 2020, il Team di esperti della società ha individuato la ragazza che ha saputo mostrare le caratteristiche migliori per ricevere il primo riconoscimento dedicato alla bellezza che passa per il mondo digitale. 


“Durante le selezioni che si sono svolte in tutta Italia” – afferma Cozzetto – “abbiamo osservato le candidate non solo in occasione degli incontri in presenza, ma, anche, nei loro ambiti, per così dire, virtuali, così da trovare la ragazza più giusta da promuovere, aprendole un cammino verso il mondo del lavoro”.  Valutati i post e le storie, analizzati testi ed immagine, analizzati tag, hashtag e tempi di pubblicazione. Sono stati considerati anche i comportamenti dei followers, con particolare attenzione a reazioni e commenti. Una sorta di analisi socio-digitale che ha permesso di scegliere la finalista destinata a future collaborazioni con la società. La prima Miss Universe – Dominanza Digitale 2020 studia all’ultimo anno di Liceo Artistico con indirizzo moda ed ha una giornata fitta di impegni. Dalle lezioni di danza classica, moderna e contemporanea alla passione per il disegno, Mayla è già volto di alcune campagne promozionali. 


“Mi piacerebbe lavorare nell’ambiente del fashion” – dice Miss Dominanza – “ma non in passerella dove ho già avuto alcune esperienze, bensì dietro le quinte. Mi affascina il coordinamento di una sfilata di moda, la sfera organizzativa che anticipata la presentazione di una collezione. Mi ha molto emozionato ricevere questo riconoscimento e sono contenta di poter affrontare con un gruppo di professionisti il tema della mia immagine sui social”. Mayla ha già all’attivo la partecipazione in una campagna pubblicitaria di una nota casa di moda casual ed è stata scelta come testimonial dal alcuni look maker, grazie alle sue bellissime chiome ondulate. 


“Essere in grado di esprimere correttamente la bellezza attraverso i mezzi adeguati, avendo cura di creare messaggi in piena sicurezza sulle piattaforme di comunicazione che il mondo digital offre, si rende sempre più necessario” – sottolinea il CEO di Dominanza – “Basta davvero poco per cadere in errore e sbagliare comunicazione”. Il rischio di doversi difendere sui social Mayla l’ha già affrontato dovendosi difendere da alcuni attacchi di haters per alcune pubblicazioni di scatti tratti da uno shooting: Miss Dominanza ha preferito non raccogliere, segnalando e bloccando gli attacchi in modo da non alimentare polemiche. Situazioni che si ripetono sempre più spesso, in molti casi espresse con intenzioni sessiste e violente. 


“I pericoli sono dietro l’angolo” – conferma Mattia Cozzetto – “A tutto c’è un limite. Il buon uso dei social network prevede una protezione della propria sfera privata, il controllo della tipologia dei propri seguaci, così da scongiurare fake che possono mettere a repentaglio la visibilità all’interno delle piattaforme di riferimento. La sicurezza sul digitale ha valore quando è riferita alla giusta trasmissione della propria immagine”.  Le potenzialità della comunicazione digitale. la fascia Dominanza Digitale rappresenta la voglia di esprimere la bellezza, anche digitalmente. La neo Miss Dominanza Digitale verrà seguita dal management della società per un determinato periodo, riceverà consigli ed opportunità di crescita al fine di valorizzare – e tutelare – l’immagine e la comunicazione.

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password