Il fuggiasco claudicante della città seppellita dal Vesuvio

Nuovo ritrovamenti, riemerge l'ultimo fuggiasco

pubblicato il 29/05/2018 in Costume e società da Samantha Ciancaglini
Condividi su:
Samantha Ciancaglini

Un nuovo ritrovamento nella città seppellita dal Vesuvio: il fuggiasco caludicante.

A Pompei,gli scavi da poco avviati, hanno dato alla luce una nuova vittima della furia bollente del Vulcano: un 35enne con una gamba malconcia che, forse proprio per la sua gamba, non è riuscito a sottrarsi alla colata di la lava.

Ha avuto una sorte orribile, investito dalla furia bollente del Vesuvio che gli ha scagliato addosso, decapitandolo, un masso di 300 chili.

A commentare il ritorvamento il direttore degli scavi, Massimo Osanna, "Una scoperta drammatica e eccezionale": quello stesso punto era già stato scavato nell'Ottocento e poi nello scorso secolo. 

Nei secoli la terra gli era in parte collassata addosso, per cui non è stato possibile ricostruirne le sembianze usando la tecnica del calco di gesso. Qualche calco è stato invece possibile farlo tutto intorno allo scheletro.

La sua tibia, fa notare l'antropologa Valeria Amoretti, presenta le tracce - dopo duemila anni ancora evidenti- di una brutta infezione ossea che doveva procuragli un gran dolore e rendergli difficoltosa la fuga.

Nube incandescente, pioggia di cenere sui tetti delle case, la situazione: La nube incandescente lo ha avvolto e un masso enorme lo ha investito colpendolo al busto, con tutta probabilità staccandogli di netto la testa. Gli archeologi lo hanno trovato schiantato a terra di schiena, il masso che come un'incudine piovuta da cielo gli copre le spalle,le braccia, la parte alta del torace.

Un nuovo tassello, il fuggiasco claudicante, si aggiunge alla storia della città sepolta.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password