Pensavo fosse amore invece era in mutande

Il mondo di Blonde Black Dress di Giulia Susan Gianassi

pubblicato il 23/10/2016 in Costume e società da Giulia Susan Gianassi
Condividi su:
Giulia Susan Gianassi

Il mondo degli uomini è variegato e sempre pieno di schegge impazzite. Come dice una mia cara amica: " I brutti incontri possono capitare!"  E  darle torto dopo quello che le è capitato qualche settimana fa.

Tutto  inizia con una romantica cena, un bicchiere di vino e delle tapas. Finalmente uno sano di mente, pensa. Le uscite si susseguono nelle settimane successive tra passeggiate mano nella mano, aperitivi, spritz e mojito al tramonto.

Cosa scatta poi ad un certo punto nella mente maschile neanche Freud è riuscito a spiegarcelo. Perché da ragazzi "normali" vi trasformate in alieni resterà sempre un mistero, altro che quello della fede.

Ma torniamo alla nostra storia: lei dopo alcune uscite lo invita a casa: " Solo mezz'ora, domani devo alzarmi molto presto", salgono, lei si volta un attimo per chiudere le finestre e TACCCC!
Eccolo lì, in MUTANDE.
Si avete capito bene amiche, in MUTANDE nel soggiorno.

Roba che neanche Leslie Nielsen nella Pallottola Spuntata!

La faccia della mia amica l'avrei voluta vedere! Ma non è finita perché al suo invito di rivestirsi e gentilmente levare le tende il cavaliere si è anche offeso.

Chissà il gentleman pensava di essere sul set di Full Monty o che la mia amica in realtà fosse l'agente dei Centocelle Nightmare pronta per ingaggiarlo alla prossima festa della donna sul lido di Ostia.

La cosa più triste invece è che in tutto questo lui pensava di finire la serata modo portandosi  a letto la mia amica.

Certo cari uomini di oggi, sarete 2.0, con la barba rasata alla perfezione, con i risvoltini ai pantaloni e la camicia inamidata  ma purtroppo uomini come Vittorio Gassman, Walter Chiari, Rossano Brazzi non vi hanno proprio insegnato nulla.

 

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password