A Pescara un tappeto di foto in piazza in memoria di Stefano Cucchi

Un'iniziativa nel senso della condivisione

pubblicato il 22/10/2013 in Costume e società da a cura della redazione
Condividi su:
a cura della redazione

Un tappeto di 100 metri quadri sarà steso in piazza Salotto a Pescara dall'8 al 10 novembre, e non sarà un tappeto qualunque: sarà composto da centinaia di foto inviate da tutti gli italiani che tramite Instagram, Twitter o Facebook partecipano all'iniziativa #iosonocucchi, promossa dal graphic designer Luca Di Francescantonio e dalla community di
Igersabruzzo.it, e sposata dal Festival delle Letterature di Pescara.

Sabato 9 novembre, infatti, il Festival ospiterà a Pescara Ilaria Cucchi, la sorella di Stefano, un ragazzo in buona salute, arrestato per possesso di stupefacenti, che il 22 ottobre 2009 è stato ritrovato morto dopo una settimana dalla detenzione. "Il tappeto comporrà il volto di Stefano Cucchi, che per la Corte di Assise di Roma è morto per malnutrizione,
mentre presentava molti segni di pestaggio - spiegano i promotori -. Nella sentenza viene riportato che 'forse potrebbe essere stato picchiato immediatamente dopo l'arresto'. Quindi forse meglio non vedere, meglio non sentire? Una giustizia che non sente e che non vede è una giustizia senza voce".

All'evento si può partecipare fino al 27 ottobre. E' sufficiente pubblicare su Instagram, su Facebook o su Twitter un primo piano del proprio volto bendato, imbavagliato o con le
orecchie tappate, e aggiungere il tag #iosonocucchi con, eventualmente, un commento. La foto sarà inclusa nel tappeto.

Si possono vedere le foto già inserite nel tappeto virtuale su www.iosonocucchi.it

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password