Ilo, la via del lavoro è fuori dal proprio Paese

Giovani pessimisti su futuro occupazionale

pubblicato il 03/11/2015 in Attualità da Gianluca Vivacqua
Condividi su:
Gianluca Vivacqua
Bandiera dell'Ilo

Forse è la percezione della carenza di opportunità di lavoro e del deterioramento della sua qualità.

Ė questa, secondo Gianni Rosas,  direttore della sezione Italia dell’Ilo (Organizzazione Internazionale del Lavoro), la “molla” che spinge (potremmo anche dire che costringe) la quasi totalità percentuale dei giovani italiani a non sopprimere dentro di sé un certo qual innato spirito migratore,  un impulso “colonizzatore”. In sostanza, a desiderare di andar via non solo dalla propria città, ma anche dal proprio Paese per cercare un’occupazione.

Desolante, ma i fatti non si possono smentire: stando ad una ricerca condotta dalla Win/Gallup International (il braccio internazionale della società statistica di Princeton), e contenuta nel rapporto Ilo sul lavoro giovanile presentato in Cgil, il 99% dei giovani italiani si mostra pessimista sull’andamento del mercato del lavoro, e il 55% si dichiara pronto ad espatriare per cogliere – e magari costruire – opportunità migliori.

Mentalità rassegnata. Più rassegnata di quella dei coetanei di altri paesi europei ed extraeuropei: sempre secondo il sondaggio Gallup, infatti, il tasso di pessimismo più alto dopo quello dei giovani italiani non supera l’82% ed è quello della gioventù transalpina. Seguono poi il 79% spagnolo e il 78% greco. Persino i giovani nordafricani pensano più positivo dei nostri ragazzi (tasso di sfiducia verso il futuro lavorativo attestato al 58%), mentre la preoccupazione di quelli del Medio Oriente è più alta di soli dieci punti percentuali (68%).

Mentalità rassegnata, però compensata  da una volontà pionieristica di “riscatto”, da cercare e conseguire altrove, anche molto lontano da casa. Anzi, forse necessariamente lontano da casa.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password